Utente 387XXX
Salve a tutti.
Sarò breve: quest'oggi sono stato circonciso (circoncisione totale) per risolvere una fimosi che mi ha causato, in un occasione, anche una parafimosi.
Ora, io ho sempre sofferto di ipersensibilità del glande (ma IPER per davvero, parlo di non poterlo sfiorare senza saltare 20 metri dal dolore, e io normalmente non faccio simili scenate). Inutile dire che, quando mi sono state tolte le bende, ho provato il dolore più atroce della mia vita. Ora ovviamente sono nell'immediato post-intervento, quindi è chiaro che sento ancora dolore e tutto.
Però mi chiedevo, la sensibiltà quanto impiega a sparire, di solito? E ho fatto bene a circoncidermi? Perchè vedo che i medici trattano questo come un non-problema: quando lo facevo presente, mi si diceva "ah sì, sarà un po' infiammato", "dovresti non farci caso" e cose così. Non vorrei aver risolto la fimosi, ma essere entrato in un tunnel di ipersensibilità incontrollabila a causa dell'assenza di prepuzio.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Circoncisione assolutamente indicata è necessaria.
L abitudine alla nuova sensibilità inizia fon dal primo giorno, la cheratinizzazione del glande è completa entro due tre mesi. In genere nelle fimosi esiste una infiammazione cronica che aumenta la sensibilità è impedisce la cheratinizzazione.
Soluzioni: utilizzo di pomate antibiotiche: utile per toglier batteri; poi garze vaselinate: aiutano cheratinizzazione
Oppure
Pomate antibiotiche e cortisoniche tolgono batteri e infiammazioni ma ostacolano cheratinizzazione
oppure
povidone iodine gel ovvero neomercurocromo toglie residui tissutali batteri funghi virtù e tutti agenti estranei e aiuta cheratinizzazione ma brucicchia.
Ovvero la scelta fra le varie soluzioni tocca al collega dopo opportuni controlli. Eviti il fai da te sennò gorgheggia. Entro 7-30 giorni tutto andrà bene per quanto riguarda sensibilità
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 387XXX

Grazie dottore, spero proprio di stare parzialmente meglio il prima possibile, dato che ora come ora sono impedito in ogni attività vagamente impegntiva, e dover cambiare garze ogni volta che vado in bagno mi costringe a sopportare dolori atroci.

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Usi garze vaselinate e sotto metta olio di oliva che così non si attacca. È un trucco vecchio come il mondo. Strano che non glielo abbiano detto
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 387XXX

Per i primi 6 giorni mi è stato detto di non lavare con acqua normale o sapone, ma di limitarmi a pulire accuratamente con acqua fisiologica o altro disinfettante. Forse è per quello che non mi hanno ancora detto questo "trucco" (se mi è stato detto di non bagnare con acqua da rubinetto immagino valga lo stesso per l'olio).
Oggi comunque il glande aveva un colore violaceo, è normale? Stamattina sono stato ad una visita di controllo e domani dovrò tornarci, il medico comunque mi ha tranquillizzato in tal senso (era presente un suo collega che era un po' dubbioso, ma dopo avermi "tastato" ed aver appurato che stanotte ho avuto moderate erezioni si sono tranquillizzati entrambi, credo che il dubbio fosse su una trombosi).

[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
[#6] dopo  
Utente 387XXX

Grazie dottore. Per il colore violaceo invece cosa può dirmi? E' normale?