Utente 415XXX
Buongiorno il consulto non è per me ma per mio marito,purtroppo non riesco a cambiare il profilo.Mio marito è nato il 31/7/1942 è alto cm170 e pesa 70Kg.Sottoposto ad esame ecocardiografico color doppler è risultata una insufficienza aortica lieve moderata;insufficienza mitralica con rigurgito centrale,r del flusso di convergenza=0,5cm;vena contracta=0,4cm.Normali gradienti transvalvolari.Non shunt intracardiaci.E/A=0,5.
Conclusioni:Cavità ventricolare sinistra moderatamente dilatata,con normali spessori parietali e funziona sistolica globalmente e moderatamente depressa (F=40%).Atrio sinistro ai limiti superiori della norma.Sezioni destre nella norma.Lieve dilatazione del tratto tubulare dell'aorta ascendente;insufficienza aortica lieve moderata.Insufficienza mitralica di tipo funzionale di grado moderata.Profilo di flusso transmitralico da alterato rilasciamento diastolico.E' opportuno intervenire chirurgicamente adesso,onde evitare di intervenire in età più avanzata e con altre incognite o continuare solo con la terapia medica?
Vi ringrazio della Vs attenzione e resto in attesa della risposta.Porgo i miei più distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi

28% attività
8% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Un'insufficienza aortica lieve-moderata non richiede intervento chirurgico. L'insufficienza mitralica è solo moderata, e probabilmente secondaria alla disfunzione ventricolare sinistra. Quindi bisogna curare la disfunzione ventricolare (è stata stabilita la causa?), cosa che di solito si fa con i farmaci.
A meno che sotto non ci sia un problema di coronarie, che allora potrebbe richiedere un approccio diverso (tipo angioplastica). Ma io credo che suo marito sia già seguito da un cardiologo che avrà già indagato la causa della disfunzione. O almeno lo spero.
Dr. Chiara Lestuzzi
Cardiologia, Centro di Riferimento Oncologico (CRO), IRCCS, Aviano (PN)

[#2] dopo  
Utente 415XXX

Dottoressa Lestuzzi la ringrazio per la sua cortese e sollecita risposta;mio marito è seguito da un cardiologo che lo ha inviato per accertamenti all'Ismett di Palermo.A seguito degli esami effettuati il referto è stato uguale al suo ma lui non si sente sicuro,ha voluto chiedere il Vs parere. La ringrazio nuovamente per il tempo che ci ha dedicato.