Utente
Buongiorno dottori, premetto che (salvo sorprese) sono un ragazzo sano e senza fattori di rischio (ho fumato per un paio di anni 4/5 sigarette al giorno, ma ormai ho smesso da mesi). Sono sempre stato sportivo, ma dopo un anno di quasi inattività (mezz'ora di cammino al giorno e qualche esercizio a corpo libero) ora vorrei ritornare a fare qualcosa di più impegnativo. So bene che il cuore non è un giocattolo e strapazzarlo è pericoloso, oltre che stupido, però mi chiedevo se 1/2 ore di nuoto alla settimana potesse andare bene e dare più benefici che rischi? Ho già prenotato un test da sforzo per valutare bene la situazione, l'ultimo fatto un anno fa non aveva riscontrato anomalie, elettrocardiogramma, eco e analisi del sangue tutto ok. Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non le fara' nient'altro che bene

arrievedrci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Salve dott. Cecchini, speravo fosse proprio lei a rispondere e la ringrazio. Ne approfitto per chiederle una curiosità. Essendo molto interessato all'argomento leggo spesso i suoi consulti e vedo che sconsiglia le attività troppo dispendiose come il running o la palestra. Ora ho capito il concetto dell'ipetrofia ventricolare che può causare la pesistica, ma da perfetto ignorante in materia mi sfugge il perché la corsa sia sconsigliata ed il nuoto invece no, perché comunque anche se si tratta di nuoto non agonistico è indubbio che soprattutto le prime volte fare 20 vasche sarà dispendioso..
E infine che frequenza mi consiglia di tenere durante l'allenamento? Grazie e a presto!

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Per una serie di motivi: innanzitutto perche' con l'esercizio durante il nuoto le arterie si vasodilatano mentre con la pesistica vengono compresse dai muscoli . In secondo luogo perche' il ritorno venoso aumenta nel nuoto anziche dimunuire dato che si fa sdraiati. Inoltre lei non penso faccia 3 ore di nuoto consecutive come accade nella mezza maratona.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Ok la ringrazio è stato molto chiaro e professionale, no farò 2 sessioni la settimana da 45 minuti l'una. Ultimissima cosa, che frequenza cardiaca mi consiglia di tenere in acqua? C'è un limite che non dovrei superare, ad esempio 140,150 bpm?

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se comincia in questo modo, come un vecchio pensionato cardiopatico e' meglio che vada a giocare a briscola..
Quando e' stanco rallenti.
Butti via cardiofrequenzimetri ed orologi dell'ultima moda

Lo sport si fa per divertirsi.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente
Va bene, seguirò il suo consiglio! È che voglio sempre avere tutto sotto controllo, ma capisco che con il cuore ciò è possibile solo fino ad un certo punto. La ringrazio per la disponibilità e buon lavoro!