Utente
Soffro da molti anni di ipertensione arteriosa.
Avendo avuto una trombosi venosa centrale all, occhio sx ho eseguito un ecocolordoppler TSA con il seguente referto: a dx flusso conservato e regolare.
A sx sulla parete posteriore del bulbo in prossimità dell'origine della CL presenza di placca fibro lipidica di 0, 94 x 0, 24 cm che determina a tale livelllo un restringimento max del 35% circa.
Flusso conservato e regolare e senza alterazioni emodinamicamente significative.
Succlavie e vertebrali pervie e con flusso normodirezionale.
Ho eseguito inoltre un ecocardiogramma con il seguente esito: dimensioni ventricolo sx nei limiti.
Compliance diastolica lievemente ridotta.
Tratto aortico ascendente aneurismatico 42/37/45/46/47/48, arco di 33-34mm, in sede sottobulbare si visualizza placca fibrolipidica di 3cm di lunghezza.
Atrio sx e dx nei limiti.
Vdx regolare.
Al doppler minimo rigurgito aortico; PABS nei limiti.
Aorta addominale di calibro regolare.
Prescritta TC torace per aorta.
Pericardio assenza di versamento.
Le chiedo se per i valori rilevati dell'aorta ascendente si necessita un consulto con un cardiochirurgo.
Inoltre poiché la vista alterna fasi di miglioramento a fasi di nuovi offuscamenti le chiedo se ciò può essere dovuto alla formazione di piccoli trombi che si formano nel tratto dell'aorta aneurismatica.
Porgo i miei più cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Per cio che riguarda l aorta occorre che lei esegua una TC con contrasto per una migliore visualizzazione del vaso.

per cio che riguarda i disturbi della vista , se lei ha presentato una trombosi della VENA retinica ovviamente non ha niente a che vedere con problemi arteriosi

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Ho eseguito l'angiografia-TC PER DISTRETTO TC TORACE (SENZA E CON CONTRASTO). Il referto è il seguente: esame eseguito con tecnica multistrato prima e dopo somministrazione di mdc per via e.v. L'indagine documenta discreta ectasia del tratto ascendente dell'aorta toracica e dell'arco con diametro di cm 4,3x4,1 e di cm4,4 ; presenza di isolate calcificazioni parietali in corrispondenza del tratto prossimale e medio dell'aorta toracica discendente con diam max di cm 3,6 ; aorta addominale di calibro e opacizzazione regolare. Si consiglia controllo a 12 mesi. Vorrei chiedervi se le dimensioni riscontrate possono essere indicative per un intervento chirurgico oppure è possibile fare un piano terapeutico di conservazione.Inoltre Vi chiedo se i valori (cm 4,3x4,1 e di cm 4,4) sono da riferirsi rispettivamente al tratto aortico ascendente e all'arco dell'aorta Un'ultima domanda, un'ectasia per essere considerata un' aneurisma quali dimensioni deve raggiungere? La saluto cordialmente.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
non sono valori che indichino un intervento.
è la loro eventuale progressione più o meno veloce che indica il tempo ottimale per l intervento

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Chiedo scusa se la disturbo per farle ancora una domanda. Dall'ecocardiogramma del 10/12/2019 risultava tratto aortico ascendente aneurismatico 42/37/45/46/47/48, arco di 33-34mm,
Prescritta TC torace per aorta. L'esito della TC toracica con mdc eseguita il 20/1/2020 ha rilevato discreta ectasia del tratto ascendente dell'aorta toracica e dell'arco con diametro di 4,3 x 4,1 e di cm 4,4. Le chiedo se le dimensioni del tratto dell'arco aortico siano potute aumentare più di 1cm in così breve tempo rispetto alle dimensioni (33-34mm)fornite dall'ecocardiogramma del 10/12/2019. Se così fosse la velocità di progressione desterebbe forti preoccupazioni.
Porgo i miei più cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La TC con contrasto e' molto piu' precisa , come le ho gia' detto, e mette in evidenza tratti dell'aorta che non sono visibili all'eco.
Ne abbiamo gia' parlato

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza