Utente
Buongiorno.

Lo scorso anno ho scritto qui in merito all'ecg e all’ecocardio che avevano evidenziato una ipertrofia ventricolare sx da ipertensione arteriosa protratta per lungo tempo.

In seguito ho fatto una scintigrafia che è risultata normale senza danni alle coronarie e senza dolori durante il test da sforzo.

Il risultato dell’eco dello scorso anno (maggio 2019) riassunto era questo:
ventricolo sx nei limiti (DTD 51 mm)
ipertrofia concentrica SIV 15 mm PP 12 mm
FE 60%
Aneurisma bulbo aortico 40 mm aorta ascendente di dimensioni ai limiti alti 36 mm
Atrio sx di dimensioni nei limiti 34 mm E/A<1
Sezioni dx normali per dimensioni e contrattilità
Lieve insufficienza mitralica e tricuspidalica PAPs normale
VCI normale 21 mm normocollassabile
In seguito a ciò ho seguito e sto seguendo ancora la seguente cura: Lobivon cp 5 mg Ramipril 1cp 10 mg Norvasc 1 cp 5 mg che in tutto questo anno mi ha regolarizzato la pressione ai valori normali.


Ho rifatto l’ecocardio due giorni fa e il risultato è stato questo:
ventricolo sx nei limiti (DTD 54 mm)
spessori normali SIV 11 mm PP 10 mm
FE 60% Aneurisma bulbo aortico 39 mm aorta ascendente di dimensioni ai limiti alti 36 mm e 18 mm
Atrio sx di dimensioni nei limiti 34 mm E/A normale
Sezioni dx normali per dimensioni e contrattilità
Non valvulopatie significative PAPs normale
VCI normale 22 mm normocollassabile assenza di versamento pericardico.

Quindi il cardiologo che ha eseguito l'esame mi ha detto che la situazione è notevolmente migliorata con la cura e l’ipertrofia è regredita abbastanza a valori ora molto più accettabili.

Naturalmente sono felice per questo ma mi chiedo se è possibile una tale regressione visto che mi era stato detto da più di qualche medico di mia conoscenza che l’ipertrofia ventricolare sx in genere regredisce poco o nulla, non vorrei ci fosse stato qualche errore di misura anche se il cardiologo che ha operato mi è sembrato sicuro dei valori ottenuti.

E poi:
devo continuare tutta la cura che facevo o andrebbe modificata in seguito al risultato dell’eco?

(Mi sono scordato di chiederlo al cardiologo ma penso che desse per scontato la continuazione di tutta la cura più l'ecocardio ogni anno)
Se l’ipertrofia è regredita abbastanza dovrei ora trovare un ECG diverso da quello dello scorso anno che evidenziava una situazione anomala?

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Direi che anche a me pare un risultato un po' troppo ottimistico e che quindi o fosse stata errata la prima misurazione o che sia errata la seconda.
Oppure ha avuto un eccellente risultato dalla terapia.che e' stata brillantemente impostata e che proseguirei

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso