Utente 476XXX
Salve.
Due giorni fa ho dovuto fare un intervento per la rimozione di una cisti sebacea sullo zigomo destro di 2 cm.
Mi è stata fatta l'anestesia locale (al momento mi sfugge il nome) dopo aver fatto l'anestesia e arrivati al momento del taglio ho sentito tutto. Così ho fatto notare al dottore quello che io stessi sentendo. Lui mi ha risposto che lo zigomo è un punto dove l'anestesia non prende del tutto ma solo un minimo.
Così per farla breve ho dovuto continuare l'intervento soffrendo. Ora mi chiedevo..possibile che un anestetico non riesca ad addormentarmi la parte dello zigomo??
Comunque ho sofferto inutilemente perchè non hanno potuto rimuovere la sacca per il semplice motivo che la mia cisti era di 2 cm e il dottore mi ha detto che per togliere anche la sacca dovevo fare un taglio di almeno 4 cm.
Quindi,per evitare una cicatrice così grande,dato che sono piccola d'età,mi ha fatto un taglio di 2 millimetri e ha cercato di pulirmi fin dove poteva.
Ora mi chiedevo,possibile che per togliere una cisti di 2 cm si debba fare un taglio di altri 2 cm in più??? La pelle si dilata,quindi,da 'ignorante' in materia non bastava un taglio di soli 2 cm??
Ora ho la paura che questa cisti si riformi dato che la sacca non è stata tolta, ma dopo l'esperienza che ho avuto vorrei sapere da voi qualcosina in più sull'anestesia allo zigomo. Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile signorina purtroppo quando si effettua una asportazione di una cisti, per avere la certezza di asportarla tutta ed arrivare su tessuto sano è necessario effettuare una incisione più larga della cisti. Questo anche per evitare di romperla e di spargere il suo contenuto, potenzialmente infetto, nei tessuti sani circostanti. La scelta in genere viene effettuata al momento in base alle dimensioni della cisti e probabilmente il collega ha ritenuto che quella fosse la migliore. Fermarsi in chirurgia non è facile e sicuramente la scelta del collega le permette, in caso di recidiva o incompleta rimozione, di rivolgersi magari ad un chirurgo plastico per poter effettuare una ulteriore incisione ed una sutura estetica, laddove possibile.
Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2] dopo  
Utente 476XXX

Grazie mille per la risposta.
Vorrei sapere un ultima cosa..avevo già chiesto nel messaggio precedente però forse vi è sfuggito.
Vorrei sapere di più sull'anestesia locale allo zigomo. È vero come diceva il vostro collega che allo zigomo prende solo un minimo? Infatti io ho sentito tutto e ho sofferto tanto durante l'intervento.
Questa cosa mi spaventa per il futuro,nel caso in cui ritornerà la cisti e dovrò fare un altra incisione.
Grazie in anticipo

[#3]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile signorina l'anestesia in genere serve a non far sentire dolore al paziente. Ne esistono di vari tipi e forse quella utilizzata dal collega è stata da lei metabolizzata molto velocemente o forse doveva attendere un periodo di tempo più lungo per permettere alla stessa di raggiungere tutti i tessuti sede dell'intervento. Col senno di poi è difficile parlare, comunque le suggerisco nella malugurata ipotesi dovesse essere necessario un reintervento, di far presente al chirurgo questa sua precedente spiacevole esperienza, per cercare insieme una soluzione meno dolorosa.
Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile