Utente
Circa tre anni fa ho vuto un incidente in moto e, tra i vari traumi riportati, ho riscontrato rigonfiamento ul lato esterno della coscia sinistra, dovuto ad un forte urto. All'inizio i medici der reparto ortopedia in cui sono stato ricoverato credevano che si trattasse di un accumulo emorragico, ma dopo aver effettuato un'ecografia ci siamo accorti che si tratta di un "ispessimento ed ipercogenicità del sottocute rispetto al controlaterale da verosimile infarcimento post traumatico, sottile falda sotto fasciale della lunghezza di24 mm". Mi sono finalmente deciso ad eliminare questo inestetismo e vorrei qualche consigno per individuare la figura professionale più adatta e l'inervento a cui sottopormi.

[#1]  
Dr. Daniele Bollero

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
RIVAROLO CANAVESE (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
gentile utente,
quello che lei descrive potrebbe essere appunto l'esito di un ematoma organizzato con infarcimento del tessuto adiposo sottocutaneo.
l'ecografia che lei cita è di allora o recente?
sicuramente un chirurgo plastico potrebbe aiutarla ad attenuare tale inestetismo
cordialmente
Dr. Daniele Bollero
Chirurgo Plastico - Ospedale C.T.O. - TORINO
www.chirurgiaplasticapiemonte.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio innanzi tutto per la tempestiva risposta alla mia domanda.
L'egografia a cui ho fatto riferimento risale all'epoca del trauma, qundi a circa tre anni fà.
Da allora non c'è stato nessun miglioramento visibile, cosa di cui ero già consapevole.
Immagino che comunque vada fatta una nuova ecografia prima di sottomormi ad un intervento.

Le invio i miei più cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Daniele Bollero

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
RIVAROLO CANAVESE (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
gentile utente,
anche se macroscopicamente non vede differenze, molto probabilemente la falda sottofasciale sarà scomparsa e occorre capire se il problema antiestetico che lei lamenta sia da correlare direttamente al tessuto sottocutaneo per pianificare un corretto approccio terapeutico
quindi una nuova ecografia è sicuramente utile anche comparandola al quadro ecografico di 3 anni fa.
saluti
Dr. Daniele Bollero
Chirurgo Plastico - Ospedale C.T.O. - TORINO
www.chirurgiaplasticapiemonte.com