Utente 267XXX
Buongiorno, sono un uomo di 81 anni e sono già portatore di uno stent non medicato nell'arteria femorale superficiale destra al III medio e ora mi hanno riscontrato anche una stenosi significativa a monte del sopraddetto stent.
Inoltre ho una stenosi serrata (VPS 3 m/sec) della femorale superficiale sinistra al III distale. La mia domanda è questa: poichè sono venuto a conoscenza, consultando riviste mediche, che ora esistono gli stent biodegradabili e nanostent, che certamente dovrebbero essere meno invasivi, a che punto è l'applicazione di queste nuove tecniche? Sono già in uso e largamente sperimentate con successo?
Ringraziamenti e distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Massimo Pisacreta

32% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
ARONA (NO)
BOLLATE (MI)
OLEGGIO (NO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Gentilissimo Utente,
prima di pensare a riposizionare un nuovo stent si dovrebbe valutarne l'utilità. La stenosi in sè non è sufficiente a porre l'indicazione a meno che non sussistano disturbi significativi della deambulazione. Per il momento gli stent biodegradabili non hanno applicazione a livello delle arterie di questo distretto e sono ancora da validare nell'uso clinico.
Cordialità
www.vascolaresacco.it
www.sinergiemediche.it

[#2] dopo  
Utente 267XXX

Mille grazie per l'esauriente risposta.
Distinti saluti.