Utente
Buongiorno.
Non trovando più il mio vecchio account riscrivo qui sperando di non dare disturbo.
3 Mesi fa sono stato operato ad un ascesso perianale con posizionamento di due setoni drenanti, pochi giorni fa ho fatto la visita di controllo con questo esito : Setoni ben posizionati a ore 5 con modeste secrezioni, mucoisa liscia e scorrevole con normotono sfinterale, mi ha eseguito anche una anoscopia perchè ho avuto per molte settimane abbastanza dolore dopo defecato ma sembra tutto regolare, non presenti ragade mucosa rosea.
Mi è stato detto che verrà programmata l'operazione che da quello che ho capito la più bassa verrà fatta con fistulectomia invece l'altra con permacol pasta o lembo mucoso, però tutto questo decideranno al momento.
Ho chiesto se era necessaria l'operazione dato che il mese precedente una fistola era più alta e ora un pò meno ma la risposta è stata che nonostante i setoni non sia no in trazione fanno lo stesso il oro lavoro che forse la più bassa sarebbe scesa senza operare ma quella più alta sicuramente no.
I miei dubbi sono: Rischio incontinenza con queste tecniche utilizzate? (anche se il medico mi ha detto di no), dico questo e l'ho fatto notare che dopo l'operazione dell'ascesso specialmente le prime settimana se l'ampolla era piena facevo come fatica tenere le feci, dunque se veramente c'è un rischio reale mi tengo i miei setoni che magari con molti mesi riescono lo stesso a fare il loro lavoro senza operazione, altra cosa l'operazione se ho ancora abbondanti fuoriuscite è giusto farla o rischio nuovo ascesso ?
Se ci sono altre tecniche più valide e sicure magari meno dolorose posso sentire altri ospedali ?
Riguardo il dolore post operatorio da quello che ho capito dalla faccia del Dottore è molto dolorosa lo confermate?
Il post operatorio dell'ascesso con i drenaggi e lo zaffo è stata dolorosa ma sopportabile con antidolorifici e 4 giorni di ricovero ma è vero che in questi 4 giorni non ho mai defecato anche perchè non ho quasi mai mangiato per febbre e altro, ma pensare di avere un taglio esterno con dentro al retto un altro taglio per il lembo e punti non sarà dolorosissimo? pensare che io ogni giorno vado in bagno regolare come evitare il giorno dell'operazione di non andarci?
Faccio Notare che ho una soglia del dolore molto bassa.
Scusate la lunghezza del post.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente.
Attenendomi a quello che mi riferisce e non conoscendo, nel suo specifico caso,l' integrità degli sfinteri, "l'altezza" precisa dei tragitti fistolosi ed il rapporto che contraggono con gli sfinteri, posso dirle che il rischio di incontinenza dovrebbe essere minimo per quella bassa e nullo per quella programmata con trattamento con Permacol.

Dovrei visitarla per chiarire quando può essere opportuno o meno attendere una guarigione, confidando sull'azione del setone messo in trazione, di entrambe le fistole.

Esistono altre tecniche mininvasive oltre al Permacol, ma anche per quelle è necessario una valutazione con una visita diretta e con una ecoendoanale.

La fistulectomia avrà sicuramente un decorso più doloroso rispetto a quella trattata con Permacol.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore, appena riesco posto quello scritto nella cartella clinica.

Se faranno il lembo mucoso c'è rischio di incontinenza ? Il dolore sarà molto forte dato che verrà tagliato all'interno dell'ano?

Ho chiesto già più volte ai medici e hanno detto che non c'è rischio incontinenza, ma non vorrei lo dicessero a tutti per tranquillizzare il paziente. Dico questo perché guardando solo con l'anoscopio ha detto che i muscoli sono buoni senza per ora fare altri esami.
Io sono stato sbbAstanza chiaro ed ho detto che se nella struttura dove vengo operato sono a rischio di incontinenza o dolori esagerati dopo intervento cerca un altro ospedale con tecniche migliori sempre se possono essere applicate al mio caso.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il lembo a copertura del "foro" nell'ano retto fa parte di tecniche che non prevedono sezione degli sfinteri con conseguente pericolo di incontinenza.
Il dolore non è intenso e potrà essere dominato con i comuni analgesici.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
Buonasera.
Ho il referto sotto mano che dice cosa mi è stato fatto : Incisione da ore 12 a ore 3 con drenaggio di importante cavità ascessuale perianorettale, si evidenziano 2 comunicazioni con il canale anale a ore 5 con posizionamento di due setoni.
Dall'ecografia il decorso della fistola sembra transfinterico alto che poi si sono rivelati due di qui uno più basso.
Ho già fatto tutti gli esami preoperatori però non è stata fatta nessun'altra indagine ecografica e poi basteranno 4 mesi poco più di setoni per passare all'operazione?
Mi sale un altro dubbio durante l'ecografia e vedendo le immagine che ho a casa non capisco una cosa, come mai dal lato opposto dell'ascesso quando la sonda endoanale girava sembrava esserci una fistola? dico questo perchè si vedeva una cosa ovale più luminosa e l'assistenta l'ha fotografata.
possibile che ci sia un'altra fistola dal lato opposto dell'ascesso inciso e non me l'hanno detto ?

Al risveglio dall'operazione dopo la messa a piatto e usato il lembo mucosa o permacol per la fistola più alta con tagli interni ed esterni sarà veramente così doloroso? molto più del primo intervento?

Grazie ancora

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Lasci all'ecografista l' interpretazioni delle immagini ecografiche.

Potrebbero essere più che sufficienti, ma solo Ecograficamente o con Risonanza magnetica, oppure sondando il tragitto fistoloso con uno specillo si potrà dire se la cavità ascessuale si è trasformata in una struttura tubulare (fistola).

Residuerà una sintomatologia dolorosa, la cui intensità potrà essere quantificata solo dopo l'intervento.

Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente
Grazie dottore, l'ecografia è stata fatta prima dell'operazione per l'accesso , invece ora che mi devono operare per la fistola nessuna esame tranne prelievo sangue e visita dall'anestesista.