Utente 397XXX
Buongiorno,
mio marito, 55 anni, è stato operato lo scorso anno per un carcinoma al retto. Il tumore si trovava a ca. 10-12 cm dall'ano ed è stata quindi fatta la resezione del retto con una colostomia di protezione. Ha fatto chemio+radio essendoci stato un linfonodo positivo. A febbraio di quest'anno gli è stata chiusa la stomia ed è stato ricanalizzato. Sappiamo che la "normalità" è una cosa da dimenticare ma il problema ora sono delle perdite involontarie di feci. La cosa va un po' a giornate nel senso che a volte non ne ha quasi per niente e a volte invece più intense. E' più o meno seguito da una enterostomista che gli sta proponendo l'uso di peristeen. Nel frattempo è stato visitato da una proctologa che gli ha fatto una manometria anorettale confermando che ci sono ancora margini di recupero. Ora mi chiedo: oltre all'uso di peristeen per i lavaggi, non si puo' pensare a della riabilitazione muscolare e all'elettrostimolazione? L'enterostomista gli dice che l'elettrostimazione non è fattibile in caso di sutura con punti metallici.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Mi sembra stia facendo tutto in modo adeguato e completo e seguirei le indicazioni degli specialisti. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it