Utente 241XXX
vorrei dei consigli su come procedere in seguito ad una crioterapia fatta per eliminare delle verruche recidive sul dorso della mano. Per esempio, le bolle che di solito si formano dopo la bruciatura ( alcune contenenti solo liquido altre anche un po' di sangue ), è consigliabile romperle per fare uscire questo liquido oppure lasciarle così come sono ? Premetto che che ho giàfatto la crioterapia più volte e ogni volta mi sono state consigliate delle cure diverse: impacchi di amuchina più crema cicatrizzante ( connettivina ), utilizzo di soluzione salina e disinfettante più altro tipo di crema.........Quest'ultima volta mi è stato solo detto di mettere il disinfettante Betadine e nulla altro. Il fatto è che stavolta si sono formate come di consueto delle bolle ma essendo la pelle più spessa, queste non si riescono a rompere. Di conseguenza la verruca non mi dà l'impressione di sollevarsi e staccarsi dalla superficie della pelle ma temo che una volta " sgonfiata " la pelle della bruciatura la verruca si riappoggi nuovamente e " rimetta le radici " per poi ricrescere ancora una volta....mi spiego ??? inoltre sento tutta la zona attorno alle bruciature ( anche se ormai sono passati 5 giorni )dolente. In più la pelle che adesso è tutta bruciata e rossa tornerà con il tempo come prima o sarà per sempre segnata dalle cicatrici ? Ultimissimo quesito: devo continuare a fare la doccia con un guanto oppure il bagnoschiuma non fa niente ?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Gigli

28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CAMPO SAN MARTINO (PD)
MILANO (MI)
BOLOGNA (BO)
PESCIA (PT)
PRATO (PO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Vista la sitiazione le consiglierei di rivolgersi nuovamente al medico che ha eseguito il trattamento.Nell'attesa puo' applicare impacchi di amuchina al 4% e citrizan antibiotico crema una volta al giorno per 4-5 gg.
saluti
Dr Paolo Gigli www.paologigli.it
Specialista in dermatologia e venerologia
Professore a contratto in scienze tricologiche mediche e chirurgiche

[#2] dopo  
Dr. Giampiero Griselli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
FERRARA (FE)
PORTO TOLLE (RO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le Pz
la crioterapia ,spec. con azoto liquido(-200°),provoca la formazione di cristalli di ghiaccio all'interno delle cellule,determinandone la rottura e la morte.il liquido fuoriuscito ,misto a sangue per la rottura di alcuni vasi,provoca la "bolla".Quindi la verruca non e' solo staccata,ma distrutta in quelle parti,e non puo' riattaccarsi.Certo se non si e' andati "a fondo" vi sara' una parte che non sara' stata distrutta e dunque recidivera'.La sua preoccupazione ulteriore e' la disinfezione;e' una normale disinfezione di una ferita o bruciatura e quindi varie sono le possibilita',ma comunque MAI esporla al sole per evitare esiti discromici(inestetici!).Se la buca usi un ago sterile e lasci il tetto della bolla a protezione.
Cordialita'
Dott.Giampiero Griselli Dermovenereologo
www.dermoonline.com
Ferrara,Torino,Padova,Brescia,Porto Tolle, S.M.Maddalena (RO)