Utente 200XXX
Salve vorrei fare degli esami per verificare un eventuale contagio da sifilide (TPHA - VDRL - FTA/ABS). Sono passati circa 30 giorni dall'evento.
In questi giorni però sto facendo una terapia con Ciproxin.
Questo potrebbe falsare i risultati degli esami?

Un'altra domanda. Ho un bozzo su un dito che ricorda molto un sifiloma, adesso andrò subito dal dermatologo per verificare; nell'attesa della visitia mi chiedevo se fosse possibile l'autoinoculazione della malattia da altre parti (La malattia è contratta, ma non vorrei diffondere i sifilomi da altre parti). Se questo fosse un sifiloma e mi toccassi i genitali potrebbe presentarsi un altro sifiloma anche sui genitali?

Grazie per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

30 giorni sono pochi per una reale positivizzazione: per il resto non si può ipotizzare nulla di sensato senza la valutazione diretta dermatologica che invito a fare anche prima di comporre esami a caso.

Cari saluti.
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 200XXX

1) Per cui dopo 30 giorni in assenza di sintomi visibili, i suddetti test non si positivizzerebbero?

2) Nel caso li volessi fare pere scrupolo, la terapia di Ciproxin può influire sui risultati?

3) Ho un bozzo su un dito che ricorda molto un sifiloma, adesso andrò subito dal dermatologo per verificare; nell'attesa della visita mi chiedevo se fosse possibile l'autoinoculazione della malattia da altre parti (La malattia è contratta, ma non vorrei diffondere i sifilomi da altre parti). Se questo fosse un sifiloma e mi toccassi i genitali potrebbe presentarsi un altro sifiloma anche sui genitali?

[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
1. E' possibile che siano ancora negativi
2. No
3. Il sifiloma sul dito e' assai improbabile e comunque serve la valutazione del dermatologo. Ovvio che se fosse sifiloma sarebbe infettivo per gli altri ma non per nuove autoinoculazioni, visto che l'infezione sarebbe già attiva.
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 200XXX

Grazie delle risposte.
Sul punto 1). Dopo quanto tempo dovrei fare gli esami?

Sul punto 3) Nel caso fosse un sifiloma quello sulla mano significherebbe che ho già contratto la sifilide, per cui sicuramente toccandomi non la prenderei due volte, pensavo solo per evitare di avere nuovi sifilomi in parti intime, se toccandomi potevo generare la comparsa di altri sifilomi.

Grazie molte della disponibilità.

[#5] dopo  
Utente 200XXX

Grazie delle risposte.

Sul punto 1). Dopo quanto tempo dovrei fare gli esami?

Sul punto 3) Nel caso fosse un sifiloma quello sulla mano significherebbe che ho già contratto la sifilide, per cui sicuramente toccandomi non la prenderei due volte, pensavo solo per evitare di avere nuovi sifilomi in parti intime, se toccandomi potevo generare la comparsa di altri sifilomi.

Grazie molte della disponibilità

[#6] dopo  
Utente 200XXX

Mi farebbe avere una risposta? Grazie molte.

[#7] dopo  
Utente 200XXX

Salve dott.ssa mi farebbe avere una risposta? Grazie molte.

Sul punto 1). Dopo quanto tempo dovrei fare gli esami?

Sul punto 3) Nel caso fosse un sifiloma quello sulla mano significherebbe che ho già contratto la sifilide, per cui sicuramente toccandomi non la prenderei due volte, pensavo solo per evitare di avere nuovi sifilomi in parti intime, se toccandomi potevo generare la comparsa di altri sifilomi.

Grazie molte della disponibilità