Utente 454XXX
Da circa due anni, il terzo dito del mio piede destro presenta un'onicopatia.

L'unghia si sfalda, si piega al centro e sembra diventare bianca (cioè dello stesso colore della parte che andrebbe tagliata)
anche nel punto in cui di norma, dovrebbe essere "rosa", oltretutto sembra essersi rimpicciolita.

L'alluce del piede sinisto inoltre, ha una superficie non uniforme, mentre il secondo dito dello stesso piede, sembra stia
percorrendo la stessa strada del terzo dito piede destro.

Ho effettuato un primo esame colturale rivelatosi però negativo. L'ho poi ripetuto una seconda volta, sotto consiglio del dermatologo,
per avere certezza assoluta della risposta. Anche il secondo è risultato negativo.

Abbiamo poi escluso che si trattasse di psoriasi. Il dermatologo ha visitato anche mio padre, questo perche durante il primo colloquio gli
riferii che lo stesso presentava delle macchie bianche sulla pelle delle gambe.

Mia madre invece, da tantissimi anni, presenta anch'essa un'onicopatia alle unghie di entrambi i piedi. Lei dice che le si spezzettano tutte, che
ha visto tempo fa un podologo e che quest'ultimo non ha potuto fare nulla per risolverle il problema.

Il dermatologo al qualemi sono rivolto è giunto alla conclusione che la mia è un'onicodistrofia ereditata da mia madre. Mi ha inoltre prescritto
una specie di integratore: il Pentaker, da prendere dopo i pasti per un mese o due. Mi ha inoltre detto di non aspetarmi molto dallo stesso, le
mie unghie possono si migliorare con queste compresse, ma il problema non si risolverà mai.

La mia domanda è: davvero non esistono soluzioni al mio problema? Devo cambiare dermatologo? Devo farmi prescrivere altri farmaci? Devo lasciar perdere tutto?

Grazie a quanti sapranno rispondermi!

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La diagnosi non vincolante in questa sede sembrerebbe associabile ad un caso di ONICOMADESI della Lamina distale: problema spesso legato a condizioni genetiche o paltologie della cheratinizzazione.

il dermatologo potrà chiarire tutto con facilità ben sapendo che i presidi in tal senso non sempre risolvono il problema.

cari saluti
Dott. LAINO, Roma

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 454XXX

Comunque ho consultato due dermatologi. Entrambi mi hanno diagnosticato una onicodistrofia. Il primo mi ha prescritto il Pentaker compresse, (una dopo il pranzo), l'altro il Pentaker in crema. Attualmente sto adoperando entrambi... dite che la combinazione dei due prodotti possa portare benefici all'unghia, oppure dovrei utilizzare o le compresse o la crema? Esistono altri prodotti maggiormente indicati per il mio caso?