Utente 702XXX
Da 4 giorni ho notato una striscia lunga 2 cm sulla pelle del pene che parte da poco sotto il prepuzio, che risultava ruvida al tatto.. ho insistito con un pò di detergente intimo (saugella uomo), tutt'ora sto lavando maniacalmente questa parte... ma con nessun risultato..

La zona di pelle ruvida si screpola leggermente quando la faccio scivolare per scoprire il glande, e questo dà fastidio.. Soffro da anni di una leggera fimosi (scopro il glande completamente in erezione ma con un pò di fatica), non vorrei che la situazione si complicasse.. inoltre sul glande ho notato macchioline piu chiare...

Leggendo altri casi qui su medicitalia il mio morale ha toccato il fondo, e la mia preoccupazione è salita moltissimo, trovando risposte che suggerivano malattie autoimmuni da operare chirurgicamente e di facile degenerazione tumorale...
Io ho un appuntamento con un dermatologo venerdì prossimo. E' già troppo tardi? non potrebbe trattarsi di una semplice micosi o è da escludere?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Produca serenamente la sua visita Venereologica di Venerdì prossimo utile a fara diagnosi ed escludere patologie quali un Lichen sclerosus incipiente: mi raccomando, le ansie immotivate ed infondate non servono a nulla.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 702XXX

Grazie per la risposta, seguirò il consiglio, volevo però aggiungere che ad un'analisi un pò piu accurata ho notato che la zona intorno alla cima del glande (dove cè il foro per intenderci) è arrossata e la corona del glande è delineata da una sottile striscia bianca che la segue ai bordi, nell'insieme il glande risulta un pò pallido ma non appare disidratato e conserva sensibilità... volevo sapere se la condizione necessità una visita urgente o posso permettermi di portare a termine gli impegni, importanti ma ovviamente non quanto la mia salute, ed effettuare la visita venerdì. Magari se ha da consigliare cosa fare e cosa non fare (a parte l'ovvio evitarsi dello stress meccanico) per risolvere o anche solo non far degenerare la fastidiosa secchezza di quella zona di pelle sovrastante

Devo dire che questa è la mia prima visita nonostante ci sia stato un precedente episodio simile pochi mesi fà, il glande infatti 5 mesi fà bruciava con accadere fulminante, ovvero da nessun dolore a una forte sensazione di infiammazione, era rosso, bruciava sempre quando urinavo, e nonostante l'adottare di una buona igiene, anche dopo la doccia emanava un forte odore di "tonno"... da qui ho scelto di comprare un detergente intimo, che ha risolto tutto, odore compreso... E ovviamente l'episodio che provocò la fimosi, a 13 anni mi si era riempito il glande di bollicine rosse e la pelle che lo ricopre aveva perso elasticità, curai ancora ignorantemente la cosa lavando piu spesso e risolsi il problema, o almeno apparentemente...

Lunedì parto per questo impegno, ma non parto in sicurezza, se pensa che quanto descritto possa aumentare la probabilità di una patologia "importante" o ad uno stadio da considerarsi a rischio, non ci penserò 2 volte a mollare tutto

Grazie mille per l'attenzione, gliene sono davvero grato

[#3] dopo  
Utente 702XXX

Stamattina la macchia rossa intorno alla punta del glande, è diventata bianca...
Possono essere sintomi riconducibili alla candida?

[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
non credo: produca la visita come indicatole.

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#5] dopo  
Utente 702XXX

Sono andato dal dermatologo, mi ha ispirato molta fiducia, ma volevo comunque aggiornarvi, al momento della visita la situazione era gia migliorata, niente piu desquamazione, solo materiale biancastro nella zona tra la corona del glande e sotto e la pelle ha ripreso la totale elasticità che aveva prima dell'accaduto..
Inoltre ho mostrato allo specialista una ipercromia sul viso e 2 cerchi bianchi in mezzo al petto, mi ha detto che queste 2 cose molto probabilmente sono collegate anche assieme alla dermatite seborroica sul cuoio capelluto e mi ha dato Sebiprox 2volte alla settimana per 2 mesi, da applicare anche in mezzo al petto. per l'ipercromia mi ha dato Travocort crema da applicare 2 volte al giorno x 7-10gg..

Infine da applicare sul pene mi ha prescritto un lavaggio al giorno per 15-20 giorni con Intimoil detergente seguito da cicalfate crema.

P.S
La situazione al pene è iniziata a migliorare quando ho smesso di utilizzare il detergente intimo Saugella e ho incominciato i lavaggi (sotto consiglio telefonico dello specialista) con acido borico.