Utente 116XXX
Buongiorno, da fine maggio 2005 mi è stato riscontrato un fungo sul glande.
inizialmente il mio medico mi ha prescitto del daktarin crema e un sapone.
dopo aver alleviato i sintomi fino alla totale scomparsa (continuando a mettere 2 volte al giorno la crema) il medico mi ha consigliato di smettere il trattamento. puntualmente si è ripresentato dopo circa una settimana.
Sotto controllo medico ho ripetuto la terapia e anche questa volta si è ripresentato. Ormai siamo al mese di luglio e ogni volta che smetto di mettere la crema, (non di utilizzare il detergente indicato) mi si ripresenta la micosi, il medico mi ha così prescritto una cura a base di Sporanox che si è rivelata inutile, così ho richiesto una visita all'ambulatoria dermatologico savonese e anche da questo incontro la diagnosi è stata di una micosi, la terapia datami è però differente: Travorcort ogni sera in cui riscontro del rossore particolarmente intenso e un detergente acido (biogena dermoliquido)... in quanto secondo il dermatologo il fungo dovrà accompagnarmi tutta la vita perchè è in una zona in cui la micosi trova un 'habitat' ideale, e FORSE l'unica soluzione potrebbe essere la circoncisione.
Ritornato dal mio medico curante e riferito la diagnosi mi ha prescritto oltre alla crema cortisonica anche una terapia con diflucan.
Anche questa è risultata inutile e la totale scomparsa non si è mai verificata in quanto ciclicamente si riforma.
A questo punto il mio medico mi ha prescritto (sempre in abbinamento al travorcort) le pastiglie di lamisil.
finita anche questo ciclo di terapia e ho visto un miglioramento anche se la totale scomparsa dei puntini rossi non si è mai verificata e il colore del glande non è rosa pallido come un anno fa, anzi dopo i lavaggi con il biogena o dopo i rapporti sessuali (sempre protetti) la situazione è sempre peggiorata fino a poi ritornare come prima).
Ora, dal febbraio 2006 (a quasi un anno di distanza dalla scoperta della micosi) si è riacutizzata e io sto utilizzando il travorcort già da più di un mese e non riscontro grandi miglioramenti... riesco solo a marginare la situazione.
Cosa devo fare? devo continuare a tenermi la micosi a vita?? con tutte le conseguenze che ne derivano??
Sono alquanto demoralizzato!

[#1] dopo  
Dr. Vittorio Crobeddu

24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCI (BA)
TORINO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
caro amico,e' molto comune che una banale micosi come la tua, possa essere diventato un problema cronico!!le terapie ke hai effettuato sono giuste,ma eviterei di utilizzare x piu' di 5 giorni il travocort su di una mucosa come il glande ,dove il cortisonico,agendo da antiinfiammatorio ma anke da immonosoppressore,favorisce,alla lunga,le cronicizzazioni delle micosi.non ci cono cure miracolose,pertanto,rivolgiti al tuo dermatologo che sapra' consigliarti opportunamente.saluti

[#2] dopo  
Utente 116XXX

Quindi dovrei rassegnarmi ad avere il fungo a vita????? è abbastanza triste... anche perchè mi pare strano che non ci sia una cura definitiva per un parassita che si insedia sulla pelle... io vorrei risolverla questa situzione. fisserò un'altra visita dal dermatologo nella speranza di riuscire nell'intento....
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo

32% attività
8% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
SALERNO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Caro utente,
attenzione a non abusare delle creme steroidee per lungo tempo. Può provare ad utilizzare un gel prodotto dalla Epitech (si chiama Balanil). Non è un farmaco e talora può funzionare molto bene in casi come il Suo. Provi ad applicarlo mattina e sera per un mese e ad effettuare una visita dal Suo Dermatologo subito dopo. Questo consiglio Le può essere utile per due motivi. Il primo e più importante è che dopo un anno di cortisone e antimicotici il quadro clinico è molto "confuso". Quindi lo Specialista che La visiterà tra un mese, avrà davanti una situazione non "mascherata" dal cortisone (travocort, etc) e quindi un quadro più realistico per poter programmare un esame diagnostico o una terapia mirata. Secondo motivo: il Balanil è un gel che aiuta in maniera naturale ad aumentare le "difese" della semimucosa genitale maschile senza avere gli effetti collaterali dei farmaci. Ma attenzione, l'obiettivo del mese di mantenimento con il Balanil non è quello di risolvere immediatamente un problema di lunga durata (non ci è riuscito neanche con farmaci potenti come il Diflucan ed il Travocort). Il Balanil è poco più che un cosmetico, ma è un prodotto che almeno l'aiuterà nelle poche settimane che precedono la visita dal Suo Dermatologo, in quanto non essendo un vero e proprio farmaco non inficia l'esito di eventuali esami diagnostici. Controlli anche la glicemia. Nella speranza di averLe dato un consiglio utile, le invio i miei più cordiali saluti.

Dott. Antonio DEL SORBO
Medico Chirurgo - Specialista in Dermatologia e Venereologia
Dottore di Ricerca in Dermatologia Sperimentale
Corso Nazionale, 139 - 84018 Scafati (Salerno)
Email: antoniodelsorbo@libero.it - Sito internet: www.scafati.it
Telefono Studio: 081/8502377 - Cellulare: 338/6422985 (dopo le 20:00)
Dott. Antonio DEL SORBO
Specialista in Dermatologia e Venereologia
Sito web: www.ildermatologorisponde.it

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Massimiliano Siddi

24% attività
0% attualità
8% socialità
OLBIA (SS)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Caro utente,
il tuo caso è alquanto interessante; dopo tutti i cicli di antimicotici per os e creme varie io ti consiglierei prima di effettuare qualsiasi nuovo tipo di trattamento di eseguire alcuni esami.Non esiste una micosi che duri per tutta la vita!! Dal quadro da te descritto e soprattutto dalle terapie che hai eseguito, mi porrei il dubbio se effettivamente si tratta di una micosi. Consiglio perciò di rivolgerti nuovamente al dermatologo e di eseguire prima un esame micologico a fresco e se questi dovesse risultare negativo una biopsia della lesione.
Cordiali saluti
Dott. G. Siddi
Dott. G.M. Siddi

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Caro utente,
Perchè parla di sicura affezione micotica?
in base alla sua descrizione, credo si tratti di un altro tipo di problematica, ove il lievito (candida) o altri miceti possono co-esistere ma non causare primariamente il problema; non sono d'accordo con l'utilizzo di terapie senza prima una diagnosi corretta: finirà col confondere lei e lo specialista che la visiterà. Le consiglio di sospendere tutto per una decina di giorni e di farsi rivalutere in un videat dermato-venereologico per la migliore definizione causale del suo problema.
Cari Saluti.
Dott. Luigi Laino
Dermatologo e Venereologo, Roma
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#6] dopo  
Utente 116XXX

io parlo di affezione micotica perchè dopo tutte le visite sia dal mio medico curante che dal dermatologo mi hanno diagnosticato una micosi... io ho solo riportato ciò che mi hanno detto e ciò che mi hanno prescritto per la cura!
Penso di poter fare affidamento a loro...
per quanto riguarda le terapie io non ho MAI preso iniziative personali ma ho SOLAMENTE seguito le indicazioni del Dermatologo e del medico curante!!!

Io comunque come dal consiglio dei medici che mi hanno risposto a questo consulto ho sospeso la somministrazione di creme dal 16 marzo 2006.