Utente 283XXX
Scrivo in relazione ad un problema di una persona cara, ragazzo, 40 anni, intensa attività sportiva a livello agonistico. Non assume farmaci e sino ad oggi non ha mai avuto patologie serie.

Durante gli ultimi 2 mesi ha notato un aumento della fatica durante gli allenamenti ed un degrado delle prestazioni seppure inizialmente non troppo marcato.
Non fa uso di nessun tipo di integratore fatto salvo il gatorade durante gli allenamenti, prima di sentirsi male mangiava tantissimo, prevalentemente alimenti ad alto contenuto proteico oltre a tanta frutta al punto che inizialmente abbiamo pensato che tutti i problemi fossero riconducibili a problemi di alimentazione sbilanciata. (cosa esclusa dal medico di base)

Descrivo il problema, gli si sono gonfiate le gambe e le caviglie in modo esagerato, in misura minore la pancia.
Giorni prima aveva assunto un colorito tendente al giallo, non negli occhi però, lo avevamo notato ma non avevamo dato peso alla cosa.
I muscoli delle gambe erano rigidi, sembravano avere perso elasticità, tutto questo preceduto il giorno prima da un forte mal di testa e nausea (non durante gli allenamenti) scomparso dopo una notte.
Le gambe si sono iniziate a sgonfiare nel giro di qualche giorno.
Un'ecografia alle gambe ha escluso problemi circolatori.

Le analisi del sangue invece hanno evidenziato dei valori fuori intervallo per

globuli rossi: 3880000,00
bilirubina: 1,12
Transaminasi GOT: 130
Transaminasi GPT: 230
Glicemia: 110
Gamma glutamiltransferasi: 90
TSH 4.75

fatti altri esami per verificare la presenza di un virus, tutti esito negativo eccetto:

Epsteinbarr capsidico IGG 130
Epsteinbarr nucleare IGG 220
Epsteinbarr capsidico IGM assente
Epsteinbarr nucleare IGM assente

Se non ho capito male significa che in passato ha avuto il virus ma adesso è guarito
Questi i valori delle transaminasi dopo 5 giorni dalle prime analisi:

Transaminasi GOT: 60
Tranzaminasi GPT: 145


Intanto le gambe si sono sgonfiate, ha ripreso a fare attività fisica ma dopo circa una settimana il problema ha iniziato a riproporsi, anche in questo caso forte mal di testa e nausea (tipicamente durano alcune ore) seguita da gonfiore alle gambe e alla pancia.

Un'ecografia al fegato ha evidenziato steatosi ma il dottore sostiene che non si tratta di niente di preoccupante, dall'ecografia il fegato appariva in salute.
Ha fatto anche un'ecografia alla tiroide e anche qui nessun problema evidente.

Il medico di base non riesce a comprendere quale possa essere il problema e ha suggerito riposo per osservare a Gennaio l'evoluzione della situazione, in sostanza ipotizza un collegamento tra l'attività fisica e questi malesseri. Sfortunatamente in questi giorni di riposo stiamo osservando che spesso il problema riemerge, non vediamo un miglioramento e temo che aspettare e riposare possa essere tempo perso.


Vorrei chiedervi consiglio su quali potrebbero essere le cause di questa situazione ed eventualmente quali analisi/visite possiamo fare.


Grazie
Luigia

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Lei dice,
<<Durante gli ultimi 2 mesi ha notato un aumento della fatica>>
<<gli si sono gonfiate le gambe e le caviglie in modo esagerato, in misura minore la pancia.>>
<<Giorni prima aveva assunto un colorito tendente al giallo>>
<<Transaminasi GOT: 130, Transaminasi GPT: 230, TSH 4.75>>,

questa sintesi lascia ipotizzare una epatopatia da meglio definire,
cosa che, necessariamente, richiede un consulto specialistico diretto
gastroenterologico/epatologico
oltre alla necessità di meglio definire eventuali distiroidismi (ipotiroidismo subclinico?).

Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 283XXX

Salve,

volevo innanzitutto ringraziarla per il suo intervento e aggiungere alcune informazioni nella speranza che possano essere utili a comprendere qualcosa in piu del problema.
Ovviamente stiamo effettuando delle visite specialistiche ma al momento non si trova la causa del problema e siamo piuttosto preoccupati.


Sintomi:

Alcuni dolorini al fegato, dolori che probabilmente in altri momenti dice che avrebbe ignorato.
Ritensione idrica un po meno evidente sulle gambe ma molto piu diffusa sul corpo.
I mal di testa sono costanti, appaiono ogni tanto e abitualmente hanno durata di qualche ora, abitualmente partono da dietro la nuca.
Sudorazione notturna (anomala ma non copiosa) in assenza di febbre e malessere.

Esami (20 giorni dall'ultimo controllo):

Le ecografie ad oggi non hanno evidenziato anomalie.
Gli esami del sangue mostrano questi cambiamenti:


Le transaminasi che inizialmente erano scese ora sono risalite limitatamente alla GOT, questi i nuovi valori:


globuli rossi: 4150000,00 ( prima 3880000,00)
Transaminasi GOT: 135 ( valore precedente 60 )
Transaminasi GPT: 145 ( invariato )
Glicemia: 95 ( prima era 110 )
Globuli bianchi: 3800 (prima 6300)
I valori relativi alla formula leucocitaria sono tutti entro l'intervallo di riferimento.

La cosa più rilevante sembra il calo consistente dei globuli bianchi.


In presenza di un virus o di una infezione di altro genere i globuli bianchi non dovrebbero aumentare?
Pensavo l'organismo in queste situazioni producesse un maggiore numero di globuli bianchi come autodifesa, sbaglio?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Premesso che si parla di leucopenia
quando il valore dei leucociti totali scende al di sotto delle 3.500 unità per microlitro di sangue,
voglio dirle che non sempre avviene quanto lei dice,
è possibile, ad esempio, che infezioni virali, perturbando la funzione del midollo osseo, inducano una leucopenia.

La persistenza, seppure in flessione, dell'ipertransaminasemia lascia pensare ad una sofferenza epatica per cause da definire.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 283XXX

Salve,

sulla base dei dati sopra riportati il medico che ci segue ha la convizione che il problema sia interamente legato alla mononucleosi, anche le anomalie registrate a livello tiroideo.

Il fatto che le IGM siano assenti è stato considerato irrilevante, è stato spiegato che un valore di IGG come quello rilevato indica una infezione recente e probabilmente il virus si trova ancora localizzato nel fegato.

In tal senso è stato prescritto un trattamento di 30 giorni che prevede somministrazioni di:

Tad600
Folidex
Deursil

Ho delle perplessità dovute allo stato clinico, il problema non è in remissione e nonostante le IGM siano assenti le transaminasi stanno risalendo.
Inoltre uno dei medici che in queste settimane lo ha visitato si è mostrato perplesso in merito quantomeno alla terapia.
Infine da quello che leggo su internet non esiste una terapia specifica per la mononucleosi, occorre attendere che l'organismo reagisca al virus.


Alla luce di questi dubbi volevo chiedere ancora un vostro parere, sempre nell'ottica di inquadrare al meglio la situazione e riflettere su possibili strade alternative da percorrrere, ulteriori approfondimenti da considerare.



Grazie

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Credo sia lecito richiedere un secondo parere,
che prenda diretta visione del caso.

Distinti Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it