Utente 250XXX
Salve, sono una ragazza di 26 anni molto sportiva e che gode di ottima salute.
Sono "affetta" da talassemia minor ma non mi ha mai dato particolari problemi, nonostante avessi l'emoglobina lievemente sotto il valore minimo (10.8 g/dl).
Ultimamente la situazione è un po' precipitata e mi sento sempre stanca e spossata, fare cose molto semplici tipo recarmi al lavoro in bicicletta o fare le scale sta diventando veramente pesante e il medico mi ha quindi prescritto nuovamente le analisi del sangue dove è risultata l'emoglobina ulteriormente abbassata (9.8 g/dl) e sinceramente non l'ho mai avuto così bassa...
Ferro e ferritina sono nella norma quindi il mio MMG non ritiene necessario darmi integratori o simili e mi ha detto che non c'è niente da fare.
Vorrei chiedere se effettivamente non ci sia niente da fare per far aumentare l'emoglobina come ad esempio consigli alimentari mirati (mangio già la carne circa 2-3 volte a settimana) o particolari integratori (ho sentito parlare di acido folico e vit.b12 per questo tipo di problematica, possono funzionare?) perchè davvero la situazione è abbastanza insostenibile, mi sembra di essere uno zombie.
Se può essere utile la mia pressione (appena misurata con un misuratore casalingo) è 106-66 (ma l'ho sempre avuta così bassa) con 55 bpm e riporto i valori salienti delle ultime analisi effettuate:
Ferro: 22 umol/L
Ferritina: 128 ug/l
RBC: 5,38 10^12/l
HGB: 98 g/l
MCV: 61,5 fl
MCH: 18,21 pg
RDW-SD: 35.5 fl
RDW-CV: 16,2%
Ematocrito: 33,1 %

Ringraziando anticipatamente porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Concordo pienamente con il suo medico; la forma è a trasmissione genetica e non si può far aumentare l'emoglobina che rimarrà sempre intorno a valori di 10 , visto anche il piccolo volume globulare ( 61.5 ), ne farmaci come folati o integratori potranno modificare questa situazione. La stanchezza è quasi sempre presente in questi soggetti . In conclusione deve imparare a convivere con la microcitemia che , d'altro canto, nela sua forma , non comporta altri problemi
Un saluto

A. Baraldi