Utente 284XXX
Gentili Dottori,

Paziente affetto da ca vescicale t4n2m1 con metastasi ossee e compressione midollare che ha compromesso irrimediabilmente la deambulazione,
presenta un inizio di insufficienza renale, (azotemia 76, creatinina 1.3),e soprattutto Emoglobina a 7.7, nonostante la settimana precedente le analisi, avesse fatto SODIO FERRIGLUCONATO ad uso endovenoso per cinque giorni una al giorno,avendo riscontrato l'emoglobina a 9.3.

L'acido folico potrebbe essere una soluzione per la "risalita" dei valori di emoglobina?

Considerate le scarse condizioni del paziente, è da ritenersi comunque inutile l'assunzione dell'acido folico?
Grazie.

Paziente non candidabile a trasfusione, non cardiopatico, non diabetico.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non credo, onestamente, ad una risalita dell'emoglobina, in questa situazione , assumendo ac folico, vista anche la poco o nulla risposta al ferro; parlatene anche con l'oncologo.
Un saluto

A. Baraldi