Utente 139XXX
Buonasera,

Sono un ragazzo di 29 anni a cui è stata praticata una splenectomia post traumatica nell'anno 2003.
Negli ultimi 5 anni, considerando come esame ematochimico annuale di routine hi notato dai referti una leggera e costante inversione della formula leucocitaria in favore dei linfociti:

Anno 2009:

Neutrofili: 3123 Xmmc 34%
Linfociti: 4486 mmc 48,4%

Anno 2010

neutrofili 2990x mmc 34,7%
linfociti 4000 x mmc 47,5%


anno 2012 ------> ero appena tornato da un viaggio molto stancante e mi sentivo influenzato

neutrofili 2500 x mmc 24,8%
linfociti 6000 xmmc 59%



anno 2014

neutrofili 2900 x mmc 34%
linfociti 4400 x mmc 51,2%


Il resto dei parametri ematochimici sono nei range di normalità.
Volevo chiedere se è normale conservare per così a lungo un'inversione di formula e se ciò può esser collegato alla mancata funzionalità della milza.
Vi ringrazio.
Disntinti saluti

Vittorio

[#1] dopo  
Dr. Roberto Musso

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Buonasera,
il valore assoluto dei Suoi linfociti circolanti è variabile,come descritto, in tutti questi anni. Nell'anno 2014 è comparabile a quello del lontano 2009, dopo ben cinque anni non c'è alcun nesso con la condizione di asplenia chirurgica.
Distinti saluti.
Dr. ROBERTO MUSSO

[#2] dopo  
Utente 139XXX

La ringrazio data la costante e le mie buone condizioni generali é necessario procedere ad ulteriori indagini oppure basta un monitoraggio semestrale/annuale?
Potrebbe essere fisiologica la neutropenia relativa in questi prelievi effettuati di primo mattino?
Distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Roberto Musso

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Buongiorno,
non si tratta di neutropenia alcuna nei Suoi vari esami emometrici effettuati di 'primo mattino' e con conta dei leucociti e valore assoluto dei neutrofili nell'esame dell'anno 2014 comparabile a quello del lontanissimo 2009, come già da me elucidato e che qui viene ribadito.
I controlli da praticare devono essere indicati dal Suo medico sulla base della visita che Ella intende effettuare ogni sei mesi o una volta l'anno di Sua spontanea inziativa.
Distinti saluti.
Prof. Roberto Musso, Specialista in Ematologia e Medicina Interna
Dr. ROBERTO MUSSO