Utente 239XXX
Gentile medico buongiorno, già un suo collega mi ha risposto che nel mio caso è opportuno l'intervento, ma ciò che non mi ha indicato sono : - quanto dempo dopo l'intervento (fissato per il 3 maggio 07) posso prendere il sole tranquillamente sulla cicatrice (e per quanto tempo devo proteggerla con un foulard o con creme solari perchè non resti evidente per sempre?);
le corde vocali a cui mi faranno una riabilitazione, mi lasceranno per un periodo (e quanto tempo) con poca voce, senza voce o un suono distorto?
è importante togliere o lasciare nelle sedi le paratiroidi, o non ha influenza sul post opeazione e per il resto della mia vita?
sarò in grado di guidare l'auto appena dimessa dall'ospedale per ritornare a casa (sono circa 30 km e peso 69 kg per calcolare la dose dell'anestesia che avrò ancora in corpo o mi toglierà le forze e la concentrazione)?
Ho bisogno di sapere queste cose, non tanto per il fatto di essere rassicurata, come presumo abbia inteso il suo collega precedente, ma per potermi organizzare al meglio, visto che devo contare quasi esclusivamente su me stessa e non sull'aiuto di altre persone.
Posso andare e ritornare da sola in auto il giorno che mi faranno la laringoscopia?
la ringrazio. cordialmente

[#1]  
Dr. Gianluca Capra

28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
da orl risopondo ad alcuni suoi quesiti:
1)le cicatrici ci impiegano anche un anno per guarire, meno sole prende e migliore sarà il risultato estetico che generalmente è buono a livello del collo
2) mi auguro che le corde vocali non subiscano alcun insulto,cioè il nervo che controlla la loro motilita,anche se cio dovesse verificarsi,nel giro di qualche mese otterrebbe un quasi completo recuopero
per quanto riguarda guidare al ritorno dall'ospedale mi sembra forse se si fa aiutare è meglio!!
Gianluca Capra

[#2]  
Dr. Giovanni Ragozzino

28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CAPUA (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,

al consiglio del Collega Capra, da endocrinologo, ritengo fondamentale che la paratiroidi (presenti in numero di 4) non siano rimosse nè che si determini danno a carico del nervo ricorrente. L'asportazione non programmata delle paratiroidi comporta lo sviluppo di ipocalcemia fino al quadro della tetania calciopriva, patologia molto più grave del cheloide che eventualmente può esitare come postumo chirurgico.
Le consiglio di prendere un taxi alla dimissione!

Saluti