Utente 330XXX
salve dottori sono affetta da gozzo multinodulare a breve faro un ecografia e se l endocrinologo lo riterra opportuneo anche esami del sangue ecc,ultimamente sono molto ansiosa e ci convivo male spesso me lo tocco e adesso sono arrivata al punto che mi fa male,si perche uno di questi noduli e molto grande visibile a occhio nudo,mi chiedo cosa significa quando duole?io mi sto preparando al peggio che sia maligno e che debba operarmi ma vorrei proprio evitare tutto cio' quindi mi chiedo non esiste davvero nulla che riesca a ridulrlo?

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
La Sua ansia e' comprensibile, ma per fornire delle indicazioni, è indispensabile, effettuare almeno un esame ecografico.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#2] dopo  
Utente 330XXX

salve dottore ho eseguito l'ecografia e l'esito e di una ghiandola dismorfica,notevole aumentata di volume,dimensione in longitudinale circa 4 cm,lo specialista sopsetta un gozzo tossico io come sintomi ho cute calda,artmia cardiaca la mia domanda e' come si cura un gozzo tossico qualora gli esami lo confermassero?

[#3] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
Per una valutazione piu' precisa, dovrebbe riportare per intero, il referto ecografico. Circa le correlazioni tra la sintomatologia riferita ed eventuali disfunzioni tiroidee, necessitano di una verifica, attraverso il dosaggio degli ormoni tiroidei, associato, possibilmente, a quello degli anticorpi.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#4] dopo  
Utente 330XXX

salve dottore la ringrazio per le sue risposte sono stata dal medio curante il quale ha constatato una tachicardia e una pressione che oscilla tra 130/140 di massima per farla breve ho richiesto un betabloccante e mi e stato prescritto il sequacor1 2 5
io a breve faro gli esami del sangue ma mi chiedevo se la mia fosse ansia accantonando per un momento l'ipertiroidismo che ancora deve essere confermato,rischio qualcosa assumendo questo betabloccante?

[#5] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
Non mi e' possibile entrare in una valutazione prettamente clinica, con un consulto a distanza. Tuttavaìia, ritengo scontato, che il Suo medico, per averLe prescritto il betabloccante, avra' valutato tutti i pro e i contro di tale terapia, ritenendo che i primi, siano superiori ai secondi.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#6] dopo  
Utente 330XXX

salve dottore mi scuso se posso sembrarle insistente ma desidererei avere piu pareri possibili riguardo la mia condizione,premessa che non ho usato il betabloccante e forse ho fatto bene in quanto i miei valori sono i seguenti
ft3 3,20
ft4 1,10
tsh 0,74
calcitonina nella norma semmai l'unico valore alterato è la sideremia bassa ma questo è un altro discorso,io convivo male con tutta questa situazione perchè anche se so che la mia funzione tiroidea e nella norma non riesco a tranquillizzarmi dato che purtroppo il gozzo multinodulare è sempre li anzi negli anni tende a crescere,a breve farò l'agoaspirato dato che un nodulo arriva a 4 cm e quindi la prassi lo prevede,la mia domanda principale è questa,esiste un'alternativa alla chirurgia che possa aiutarmi a ridurre o magari far sparire il mio nodulo che comincia a darmi fastidio?cosa potrei fare dato che sono disperata e non vorrei proprio operarmi?io non sono mai stata ricoverata un giorno quindi immagini la mia ansia,c'e qualche dieta che potrei seguire?nel web a volte leggo dei casi di riduzione di noduli solo cambiando alimentazione ma tutto ciò e realmente possibile?un altra domanda è il fatto che io al momento non abbia linfoadenopatie è un fattore positivo o negativo per un eventuale tumore alla tiroide?

[#7] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
Se presente una nodularita' di 4 cm, va effettuato in primis un esame citologico per agoaspirato. Successivamente verranno prese in considerazione le eventuali opzioni terapeutiche, anche se quella chirurgica, appare essere la piu' indicata.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino