Utente
Salve, oramai sono cinque anni che soffro di stitichezza cronica.Tutto è cominciato quando avevo 15 anni. In pratica avevo diarrea da giorni e giorni e cominciai a mangiare cibi che la fermassero.Mangiai per esempio banane, riso, ecc.Successivamente non riuscii a defecare per nove giorni consecutivi allorché decisi di utilizzare per la prima volta il clistere. Da quel momento della mia vita in poi è iniziata la mia stipsi. Ci sono momenti dell'anno (escludendo i viaggi dove è normale) in cui non riesco a defecare minimamente per giorni e giorni; per esempio l'anno scorso non defecai per 13 giorni e una volta usato il clistere la quantità delle feci mi è sembrata davvero miserrima considerando che non andavo in bagno da quasi due settimane. Negli ultimi due anni non aspetto tutto questo tempo, già dopo 4-5 giorni uso supposte di glicerina.Nonostante ciò non ho la sensazione di un'evacuazione completa del retto col glicerolo e tendo ad evitare di usare continuamente clisteri in queste fasi della mia vita (che durano circa un mese e capitano 3 volte l'anno) per evitare di impigrire ulteriormente l'apparato intestinale. Ovviamente da anni la mia dieta è piena di febbre. La mattina di solito bevo latte con biscotti/cereali integrali.A pranzo pasta (Spesso integrale),minestroni vegetali e frutta come pere o anguria,Di pomeriggio una mela/pera, la sera alterno mangiando una banana e purtroppo spesso carne rossa e carne di maiale.Mangio carne in generale quattro volte a settimana.Da un anno e mezza a questa parte inoltre ho introdotto nella mia dieta cene a base esclusiva di insalate miste e verdura. E comunque uso sempre lattuga come contorno. Per 3 anni dalla mia stipsi facevo giornalmente attività fisica: in alcuni momenti riuscivo a defecare ogni giorno (mai quantità di feci superiori a quelle che potrebbe fare un gatto e sicuramente meno di certe feci di cani) altre volte non ero immune da stipsi. Ora, a causa studio è davvero difficile fare una completa attività fisica, e da un anno mi muovo abbastanza poco, conducendo in tal guisa una vita abbastanza sedentaria.
Sono inoltre fumatore da 4 anni, e quando vivo solo la mia regolarità giornaliera era dovuta al caffè e alla sigaretta che ad esso seguiva (in questi casi le feci mi risultano più morbide, escono inoltre agevolmente dall'ano e sono di quantità superiori). Quando invece non ho occasione di fumare o riduco drasticamente la quantità di sigarette a 5 giornaliere (di solito ne fumo 12) di conseguenza ne risento nel momento in cui defeco.
sono in sovrappeso da sempre: Facendo attività fisica ,seguendo più o meno la dieta che seguo ora e andando giornalmente 4 ore in palestre facendo Spinning, cyclet, step e esercizi per la massa muscolare ci ho perso 9 mesi per raggiungere quel risultato perdendo 10kg.Ora che ho smesso da 1 anno di fare attività fisica sono aumentato di 9 kg avendo pressoché la stessa dieta.Ho fatto un'ecografia a febbraio e il dottore dice che non ho niente. Voi che ne pensate?

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
In tutto questo tempo, caro ragazzo,
si è rivolto da uno specialista per il
necessario approfondimento della
natura della sua stipsi?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Non mi sono rivolto ad uno specialista in gastroenterologia. Avevo chiamato un dottore a Febbraio per fare un'ecografia. Ma prima di andarci avevo specificato che ci andavo per il mio problema di stitichezza e mi ha fatto un'ecografia al colon, intestino, vescica, reni, testicoli (perché a Gennaio di notte avevo avuto una sub-torsione del testicolo sinistro e perché vado spesso in bagno ad urinare e volevo sapere se fosse normale). Non mi ricordo se mi ha fatto girare per farmi l'ecografia al retto. I miei ricordi non sono precisi. Penso proprio di sì avendolo avvertito della mia stitichezza cronica. Giorni dopo suddetto dottore mi ha chiamato dicendomi che non ha visto anomalie (io personalmente temevo per esempio di avere malformazioni al retto). Giornalmente perora ho molta difficoltà a defecare ma sento lo stimolo spesso anticipato da flatulenze maleodoranti. La mattina appena sveglio bevo acqua tiepida ma nonostante ciò perora sono 8 giorni che non defeco normalmente. 2 giorni fa in seguito a glicerina trattenuta 13 minuti ho defecato circa 50 grammi comunque con molta difficoltà. Ciò che mi ha stranito tanto, se può esservi utile è il fatto che quel giorno per defecare quella quantità andai al bagno 4 volte facendo feci durissime, maleodoranti più stranamente del solito (sentivo tipo odore di sale o di qualcosa andato a male, può essere il glicerolo). A volte quel giorno andavo in bagno ma defecavo soltanto muco (derivante dalla supposta di glicerina) e successivamente riuscivo ad emettere feci, quando mi recavo al bagno minuti dopo. I miei genitori mi consigliano di fare un clistere a prescindere o di prendere di nuovo una supposta di glicerina ma io ho paura di impigrire il retto. Ho provato in questi ultimi due giorni a fare leggera attività fisica facendo addominali alti e bassi e flessioni ma perora a parte flatulenza e un leggero stimolo non sento il bisogno impellente di recarmi in bagno (in questi giorni il mio stimolo è sempre stato leggero, mai urgente, ma mi sono recato lo stesso in bagno, per sicurezza)

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Caro giovane,
dal suo racconto, e dal suo storico, traspare
una notevole carica ansiogena con ipocondria
che potrebbe giustificare la natura funzionale,
su base psicogena,
del suo problema.

Ciononostante non mi sembra utile
continuare ad ascoltare consigli profani

<<I miei genitori mi consigliano di fare un clistere a prescindere o di prendere di nuovo una supposta di glicerina ma io ho paura di impigrire il retto>>

con le sue giuste riflessioni a margine.


Si affidi ad un bravo specialista per una corretta defnizione diagnostica, e solo dopo terapeutica, del caso.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Egregio Dottore, è vero che la componente ansiogena influisce sulla stipsi, ma con esattezza dal quarto giorno in poi quando mi rendo conto di non andare da tanto tempo in bagno, allorché effettivamente penso in buona parte della giornata ad andare in bagno. Però non è comunque strano che passino quei quattro giorni senza far nulla? Comunque in questi ultimi giorni ci sono riuscito una volta ogni due giorni senza prima aver fatto un'evacuazione completa dei giorni passati. Ho chiamato il medico affinché potesse consigliarmi cosa fare e se fosse anche il caso di andare da un gastroenterologo, ma mi ha consigliato perora di prendermi una volta al giorno il LAX TAB PLUS.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Confermo l'utilità di rivolgersi da un esperto!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it