Utente 542XXX
Buonasera dottori, vi scrivo per avere un vostro parere sulla mia attuale condizione.
Sono anno che convivo con la Sindrome di Gilbert che non mi da alcun problema, tranne forse in alcuni momenti di particolare stress in cui divento itterico a livello delle sclere.
Facendo le analisi del sangue ho potuto verificare che il mio livello basale di bilirubina indiretta si aggira intorno al 4-5 in media, il minimo storico l'ho raggiunto sui 3 e il massimo sui 7, 5 (durante una terapia antibiotica con frequenti mal di pancia e di conseguenza digiuno prolungato).
Ieri sono stato da un dietologo che mi ha proposto una dieta chetogenica per 21 giorni, quando gli ho parlato della sindrome di Gilbert non l'ha considerata minimamente rilevante ma io voglio comunque chiedere anche un vostro parere a riguardo.
Ho sempre sentito dire che questo specifico tipo di alimentazione risulta essere particolarmente stressante per fegato e reni visto che "simula" le condizioni di un digiuno.
Essendo che il digiuno è una delle cause che mi fanno alzare il livello di bilirubina indiretta nel sangue secondo voi è possibile che iniziando questa dieta i miei valori finiscano fuori scala e che la bilirubina indiretta finisca alle stelle?
Non mi preoccupa piu di tanto l'ittero di pelle e occhi quanto piu che altro una condizione di Kernittero che ho letto si verifica quando questo valore supera i 20-25 ma non ho ben capito se è pericoloso soltanto nei bambini o anche negli adulti "a rischio".
Perdonatemi se sono stato prolisso nell'esporre il mio dubbio, attendo vostre notizie, grazie per il vostro tempo!!

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il kernittero negli adulti non si verifica.
Non raggiungerà 25 ma sicuramente i valori si alzeranno di parecchio.
Cordiali saluti.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 542XXX

Grazie mille per la celere risposta dottore. Il fatto che i valori si alzeranno di parecchio potrebbe comportare in termini concreti alcuni problemi o nulla di rilevante, oltre al cambiamento di colore di pelle e sclere? Il mio medico di base mi disse che oltre una certa soglia si sarebbero manifestati sonnolenza e problemi di concentrazione a causa del transito oltre la barriera ematoencefalica. Essendo la prima volta in vita mia che seguo questo tipo di dieta drastica non so come potrebbe reagire il mio corpo e per questo sto prendendo le dovute precauzioni, grazie ancora del tempo dedicatomi.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Fossi in lei non la farei.
Comunque per non più di 2 settimane.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 542XXX

Farò così allora, già prima non ero sicuro di voler cominciare questa dieta "intossicante" per 21 giorni. Domani contatterò il mio dietologo e gli chiederò di procedere utilizzando la dieta convenzionale, in modo tale da sentirmi piu sicuro anche se i risultati arriveranno in tempi piu lunghi immagino. Grazie ancora per aver condiviso con me il suo parere!

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Di nulla!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia