Utente 343XXX
Buongiorno cari dottori,
Cercherò di essere il più breve e coinciso circa la mia condizione.

Alto 175 cm peso 72 kg.

Assumo terapia farmacologica per personalità ossessiva (sto bene e lavoro normalmente, solo che 7 anni fa accusavo problemi).
Assumo da 4 anni nexium 20 mg ogni giorno.

Ho provato su consiglio del mio curante a fare 2 gg no e uno sì, perché mi ha sconsigliato l'uso prolungato di tale farmaco, e a lui do pienamente ragione.

Problema: sospendendolo dopo 36 ore sono letteralmente piegato in due dall'acidità di stomaco che sale fino alla gola e comincio a sbavare dal dolore.
Sicché devo sempre rincominciare ad assumere regolarmente.

5 anni fa, feci una gastroscopia prima di assumere qualsiasi farmaco e mi dissero che non vi era alcun problema nonostante vomitassi tantissimo.

Ho fatto test celiachia, ed esami del sangue e sembrano tutti essere nella norma, tranne il colesterolo LDL che purtroppo è alto e quello buono basso.

Da luglio 2018 quando per esigenze lavorative devo svegliarmi anche alle 4 di mattina, improvvisamente sento di dover scaricare immediatamente.
E scarico moltissimo, senza consistenza e maleodorante.
E tutto il giorno sono particolarmente stanco e la pancia borbotta e sento movimenti in continuazione.

Se non fosse per il caffè che ho cominciato a bere, 2 tazzine una al mattino e una alla sera sarei cotto completamente.

Non fumo e non bevo alcol.

Inoltre ho notato che dormendo fino alle 8/9 am mi garantisco più tranquillità intestinale e solo a volte scarico in maniera consistente e perfettamente normale.

Inoltre sto perdendo anche peso.
In due anni sono passato da 92kg a 72kg senza sottopormi ad alcuna dieta.

Inoltre, mi sono accorto che ho dovuto eliminare moltissimi alimenti dalla tavola perché problematici da digerire o eventualmente con altri sintomi.

Praticamente tutta frutta e verdura, soia e lecitina di soia, quindi un mondo di cose, mangio solo pasta riso pesce e carne.
null altro.

Soffro spesso di mal di testa, uno o due analgesici ibuprofene al giorno in certi periodi.

Ora non ci sto capendo nulla e la cosa crea disagio.

Resto comunque una persona che sopporta molto il dolore, ho per esempio un rao b per tunnel carpale da operare ma la cosa non mi preoccupa affatto, anzi.
In confronto, una bazzeccola.

Provo a chiedere il vostro aiuto.

Grazie per la cortese attenzione.

Saluti.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Non so se da lontano possiamo esserle di grande aiuto. I sintomi che descrive non fanno pensare a patologie importanti. Tranne l' acidità provocata dal reflusso. D' accordo su un periodo di sospensione dagli IPP, ma prima o poi potrà riprenderli, a cicli. Nel frattempo, se la può cavare con i comuni antiacidi, soprattutto quelli a base di alginato e bicarbonato. Per il calo di peso, presumo che abbia già eseguito degli accertamenti sulla funzionalità della tiroide.
Prof. alberto tittobello