Utente 377XXX
Salve, scrivo per mia madre, 70 anni da 2 mesi dopo una sincope presenta perdita di memoria oltre a depressione. ha passato la visita dal geriatra per fare i test di memoria, ma la dottoressa ha preferito rimandare visto l'attuale depressione che inciderebbe nei risultati. Ha fatto una tomoscintografia cerebrale con il seguente esito : presenza di riduzione del metabolismo corticale nelle regioni parieto-temporali e temporali mesiali, in paziente con note di atrofia corticale.
Conservato il metabolismo nel cingoloposteriore e in sede sottocorticale.
I reperti descritti non configurano un quadro neurodegenerativo; si consiglia controllo evolutivo.
Il medico di famiglia ha prescritto nicetile (2 compresse da 500mg al gg), venlafaxina (1 compressa da 70mg al gg) più in quest'ultimo periodo ha avuto sbalzi di pressione e per il quale gli ha segnato 1 compressa da 12,5mg di losartan e 1 compressa da 2,5 mg di bisoprolo che già prendeva da prima per i battiti. Desideravo avere informazioni su la possibile evoluzione e sul come muoversi, se ci sono terapie più consone ect. Ringraziandola anticipatamente Le porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
la causalità tra l'episodio sincopale e l'improvvisa sindrome neurologica di sua madre mi sembra evidente.
Perchè sua madre ha avuto la sincope?
Problema cardiaco o problema di circolo cerebrale?
Spesso la depressione, se non sussisteva antecedentemente,e dunque ad esordio improvviso, può essere la spia di una demenza denenerativo - vascolare, specie se associata a disturbi della memoria e magari dell'orientamento spazio temporale.
La Venlafaxina a 75mg/die cps RP, può avere come effetto collaterale un innalzamento pressorio: non è corretto dare un farmaco e poi aggiungerne un altro per curare gli effetti colaterali del primo.
Si cambia direttamente farmaco.
Sua madre ha bisogno di essere vista da un cardiologo, che potrà richiedere un Holter ECG/24 e da un neurologo, che potrà valutare la necessità di una RM dell'encefalo con contrasto paramagnetico e di uno studio in angio RM dei TSA e del circolo intracranico.
Cordiali saluti e Buona Pasqua!
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 377XXX

Salve la ringrazio per la risposta e colgo l'occasione per darle gli auguri di buona Pasqua.
Mia madre già anni a dietro aveva avuto sincopi , molto probabilmente sempre a causa dei nervi, l'ultima volta aveva febbre da 3 gg tra i 37,5 ed i 38, 5. Al pronto soccorso gli hanno fatto rx torace dove non sono state riscontrate evidenti alterazioni pleuro-parenchimali focali in atto. Ombra cardiaca e mediastino nei limiti della norma.Diaframma in sede. Aortosclerosi. A maggio passera l'esame RM encefalo mdc.In settimana parlerò col mio medico curante per ovviare a questa venlafaxina e farmi fare le richieste per le visite dal cardiologo e dal neurologo. Cerchiamo di fare tutto il più presto possibile nonostante non sia così semplice per i tempi di attesa; la mia paura è che vista la rapidità con cui tutto è successo e succede, anche 3/4 mesi possano fare la differenza. Distinti Saluti.