Utente 120XXX
Il paziente è mia moglie . età 73 anni, con sintomi di demenza senile.
questi i risultati del ECO: DOPPLER dei VASI EPIAORTICI:

-Carotide comune destra IMT medio: 0.96 mm: 1.10 max: mm
-carotide comune sinistra IMT medio: 0.90 mm; 1.06 max: mm

biforcazione destra: placca del 30% semicircolare calcifica omogenea liscia
carotide interna destra: ndp
PSV: 86 cm/sec; EDV 9 cm/sec
Arteria vertebrale destra ndp

biforcazione: ndp
Carotide interna sinistra : ndp
PSV: 100 cm/sec; EDV 15 cm/sec
Arteria vertebrale sinistra: ndp
A carico di aa. vertebrali e succlavie: ndp, per quanto possibile esplorare:
Flusso oftalmico ortodromico di verso fisiologico, bilateralmente.

Conclusioni:
Ad entrambi gli alberi carotidei l'esame ecografico ha evidenziato la presenza di iperplasia intimale a
carico di tutti i vasi esaminati ed alcune focalità ateromasiche, (biforcazione destra 30%)

Il medico di base è in ferie. Potete darmi qualche chiarimento ???? Grazie di cuore.

[#1] dopo  
Dr. Fabio Guerriero

24% attività
0% attualità
0% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
si tratta di un'ateromasia dei vasi carotide di grado lieve-moderato. Va intesa come fattore di rischio cardiovascolare e, se non sussistono controindicazioni, intrapresa una terapia antiaggregante. Il controll doppler va ripetuti annualmente per valutare l'eventuale aumento della stenosi carotidea.
Saluti.
Dr. Fabio Guerriero
Specialista in Geriatria
Dottore di Ricerca in Medicina Interna e Terapia Medica

[#2] dopo  
Dr. Fabio Guerriero

24% attività
0% attualità
0% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Ho letto la sua domanda in merito all'ezetimibe. No l'ezetimibe è un farmaco ipocolesterolemizzante che può essere utilizzato al posto o in aggiunta alle statine per controllare i valori di colesterolo (riducendo l'assorbimento con la dieta).
Per antiaggregante si intende un farmaco fluidificante il sangue, come per es. l'acido acetilsalicicilico al dosaggio di 100 mg o ticlopidina 250 mg.
Ne parli con il suo medico, che saprà indicarle quale molecola è più indicata nel suo caso.
Dr. Fabio Guerriero
Specialista in Geriatria
Dottore di Ricerca in Medicina Interna e Terapia Medica