Utente 378XXX
Gent.mi, il motivo per cui chiedo il vostro parere è un disequilibrio che mi perseguita da quasi un anno e che si accompagna con altri disturbi molto fastidiosi. Le mie giornate sono cambiate improvvisamente nel mese di giugno del 2014. Il giorno prima che mi capitasse un episodio di forte vertigine avevo trascorso una giornata al mare e fatto il bagno in acqua ghiacciata più volte e praticato dell'attività sportiva. Non era il primissimo episodio di vertigine. Qualche mese prima mi era già successo in seguito ad uno sforzo fisico particolarmente intenso. Il tutto si risolse dopo qualche giorno di capogiri vari ma null'altro. Ho 33 anni ed ho sempre praticato attività sportiva anche a livello semiprofessionistico. In questo periodo di tempo ho effettuato: visita neurologica, 2 RM cranio e cervicale (un paio di protusioni tra c4 e c5 ma nulla di grave), analisi del sangue, urine, feci, ho visto 3 oculisti , fatto 1 ecografia all'addome. Nessun referto che potesse spiegare i miei problemi. Solo l'ultimo dei 2 otorini che mi hanno visitato mi ha consigliato, dopo avermi sottoposto alla prova della marcia, di rivolgermi ad un dentista in grado di occuparsi della mia mandibola e un osteopata per curare la mia cervicale. Devo dire che l'otorino in questione mi è sembrato l'unico sicuro di quello che diceva tra le tante persone consultate. È così che ho cominciato a cercare una risposta in questa direzione. Nel frattempo mi sono sottoposto per più di un mese a terapie per il trattamento della cervicale ma senza risultato. Ieri, ho estratto l'ottavo superiore destro visto che i miei problemi sono tutti concentrati in quella zona del mio corpo (a breve dovrei togliere anche quello inferiore). Il mio dentista mi ha anche fatto fare un bite notturno che uso da una ventina di giorni circa. I problemi che mi porto dietro da tanto tempo sono: vista offuscata e stanca, cefalee continue con fastidio alle tempie e agli zigomi, pulsazioni all'orecchio sx, dolore sotto orecchio destro all'altezza della intersezione cranio-mandibola (il dolore si protrae sulla mandibola in basso e al collo), vertigini, disequilibrio praticamente cronico, cattiva digestione, dolore/fastidio zona addome lato dx , polpacci molli, praticamente "svuotati", tensione alla nuca costante e forti dolori. La mia domanda è: faccio bene a concentrare le mie attenzioni sul problema mandibola. Credete che uno gnatologo possa aiutarmi a risolvere definitivamente questi problemi facendomi tornare alla mia splendida vita. Vi ringrazio di cuore e vi prego di volermi scusare se mi sono dilungato tanto.
Buon lavoro!

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, Vertigini, cefalea e cervicalgia sono tutti sintomi spesso associati a disfunzioni dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) , a loro volta spesso legate a malocclusione dentaria.
Poiché ha già fatto gli accertamenti abituali nel suo caso, le suggerirei di non trascurare nemmeno il ruolo che può essere sostenuto dalla malocclusione dentaria e dalla scorretta postura della mandibola nell'insorgenza della cefalea. Infatti, sia in funzioni normali (deglutizione, masticazione) che patologiche (digrignamento, serramento) la mandibola, trascinata dai muscoli elevatori, ha la tendenza ad avvicinarsi alla mascella facendo perno sul condilo e fermandosi solo quando le arcate dentarie antagoniste entrano in contatto fra loro.
Ma se questo contatto avviene per qualunque ragione (scheletrica, dentale, iatrogena, ecc.) in una posizione scorretta (morso profondo, deviato, retruso) ecco che, per un periodo di ore/giorno incredibilmente alto, indipendentemente dalla volontà o dallo stato di sonno o veglia, i muscoli masticatori risultano contratti, e predispongono all'insorgenza della cefalea, erroneamente chiamata "muscolo tensiva", denominazione da molto tempo cancellata, e che, quindi, non dovrebbe più essere impiegata per non generare confusioni.
Le suggerirei di non trascurare questa possibile causa anche nel caso delle vertigini: appunto la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria e neurologica non sono sostenuti da problemi riscontrabili in sede specialistica, o non se ne trova la soluzione , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio e allo squilibrio muscolare sostenuto dalla bocca che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine e la cefalea , fra questi sintomi, sono forse i più tipici.
Anche nel suo caso , pertanto, in presenza di questi due sintomi ribelli alle terapie, le confermo l'opportunità di farsi seguire anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi delle Articolazioni Temporo Mandibolari (ATM): non tutti i dentisti coltivano questa sottospecialità.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1408/La-vertigine-di-pertinenza-odontoiatrica


http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
A sostegno del post scritto dal collega La invito a leggere https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1466-vertigini-dise-equilibrio-postura-malocclusione-dentale.html nel sistema nervoso alcuni riflessi sono alterati dall'occlusione presumibilmente scorretta.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#3] dopo  
Utente 378XXX

Cari Dottori, innanzitutto vi devo ringraziare per la risposta così celere; sono rimasto veramente molto colpito! Grazie per mettere a disposizione di chi ha una difficoltà le vostre conoscenze, la pazienza ed il tempo prezioso!
Ora che sono convinto di dover vedere uno gnatologo, sapreste consigliarmene uno bravo che visita in provincidi Salerno? Credete che finalmente, attraverso i suoi metodi e mezzi d'indagine possa darmi delle risposte serie ed una diagnosi definitiva che ci consenta di affrontare il problema ed arrivare ad una risoluzione della cosa? Ve lo chiedo a seguito delle ormai numerosissime supposizioni che ho dovuto accettare. Questa sensazione di andar per tentativi è uno degli aspetti più difficili da accettare. Grazie ancora di cuore!

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Io non conosco nessuno laggiù e poi è vietato fare nomi online
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Utente 378XXX

Cari Dottori, oggi sono stato da uno gnatologo. Mi propone un bite notturno all'arcata superiore. Pare che che debba reregolarlo ogno 10-20 giorni per una decina di mesi. Vi sembra una soluzione sensata per il mio caso? Infine, so che avete mandato diversi link esaustivi a riguardo ma vi chiedo: può il bite all'arcata superiore risolvere il mio disequilibrio?
Vi ringrazio di cuore per la vostra pazienza!

[#6] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Di certo le risponderà il Dr. Tonlorenzi. Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#7] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente le scelte tecniche possono essere diverse: l'importante non é che il bite sia superiore o inferiore, ma che risponda alle necessità del Paziente e risolva i suoi problemi.
Personalmente propongo con rigore il trattamento per tutte le 24 ore pasti esclusi. ma ci sono anche altre opinioni.
La cosa più importante é che il dentista sia veramente esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) e nei rapporti fra questa e l'orecchio.
Se crede, ci tenga informati.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com