Utente 263XXX
gent.dottore .ho scritto gia su altro post in merito al movimento involontario della ligua. Dopo avere effettuato vari percorsi e varie cura farmacologiche peraltro inefficaci ...ho contattato uno specialista gnatologo il quale dopo aver fatto accertamenti Rx cranio.teleradio e ortopantografie ha posto la seguente diagnosi : disturbo del movimento della lingua su base psicogena con presenza di deglutizione non corretta con postura linguale bassa sul pavimento della bocca e respirazione orale ,secondari a malrelazioni cranio-maandibolari con asimmetria,perdita della dimensione verticale con ipodivergenza ed assenza di coassialita condilare.Endulia del 4 quadrante a seguito della perimplantite di impianto portante protesi fissa ed evidente riassorbimento osseo di 47.Coesiste turba posturale autonoma e cronicizzata .presenza di uleriori patologie odonto .parodontali dei 4 quadranti. dopo 3 mesi di step .tens,magnetoterapia,gimnoterapia ho messo la prima placca di tipo C di tanaka ne dovro ambiare altri due BeA 13 mesi di di step.mi chiedo mi trovo gia a meta anno e ancora il movimento e' presente ,il prof .dice che il disturbo passera' dopo aver meso i denti ma nel contempo seguire la riabilitazione ..cio che che mi ha lasciata perplessa e' la modalita' economica .un blocco di spesa non so se giusto ma mi e' sembrato alto 6....e pagamento mensile anche se non vado ..non importa se il percorso e' esatto e ne trovero' giovamento in merito a questo disturbo involontario della lingua .mi ha anche consigliato di fare psicoterapia. in verita sono stanca perche mi devo spostare per centnaia di km per raggiungere lo studio e non so neanche quando finira questo step anche se c'e scritto 13 mesi ...e se poi non ci sono i risultati ripago altra somma ? aiutoooo !!!

[#1] dopo  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
8% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
il disturbo da lei descritto necessita indubbiamente di un iter terapeutico piuttosto lungo, e successivamente di una riabilitazione del quadrante edentulo. Il risultato finale dipende da una serie di fattori tra i quali l'operato del suo gnatologo è importante ma non sufficiente a dirimere completamente il suo disturbo peraltro gravato da una componente psicologica. Indubbiamente apporterà una miglioria nella coordinazione condilo-disco-temporale e nel ripristino di un occlusione bilanciata (se presente solo alterazione funzionale della componente articolare). Purtroppo è impossibile prevedere con certezza un suo totale recupero,per questa e per qualsiasi altra patologia. Lei può decidere anzi ha il diritto di scegliere se farsi curare o meno dopo essere stata informata su tutto ciò che riguarda il suo percorso terapeutico, i rischi e le probabilità di successo e insuccesso compreso il costo economico di tale terapia (attraverso la firma per accettazione del consenso informato). La scelta spetta a lei. Le faccio i miei migliori auguri.
Dr. Mirco Di Biase
Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it