Utente 121XXX
Salve,
abito al terzo ed ultimo piano di un condominio. Sopra la mia abitazione c'e' una cabina tecnica con tubazioni d'acqua. Pochi giorni fa e' stato fatto un lavoro di manutenzione idraulica ed hanno dovuto rimuovere una piccola vasca di eternit inutilizzata da anni.
E' stata rimossa con colpi di martello senza uso di seghe. Il materiale e' stato portato via in sacchetti di plastica secondo me non perfettamente chiusi.
(L'operazione di manutenzione e' durata un paio d'ore circa)
Il problema e' che e' stato trasportato passando per un accesso al tetto di fianco alla porta della mia abitazione.
Il lavoro di manutenzione ha causato polveri e sporco in genere (polvere per tagliare tubi in metallo, polvere di calcinacci) davanti al nostro ingresso che abbiamo subito provveduto a pulire, ed abbiamo aperto le finestre condominiali per arieggiare.
Leggendo poi i veri rischi anche per bassa esposizione all'eternit, e dato che ho un bimbo piccolo in casa, ora la mia preoccupazione e' caso mai ci siano polveri residue di eternit nell'ambiente con altre polveri, e caso mai siano entrate anche nel mio appartamento.
Secondo voi e' il caso di far intervenire l'ASL per fare rilievi opportuni sia alla scalinata condominiale che al mio appartamento?
Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
La rimozione di qualunque manufatto in eternit deve essere fatto con tutte le cautele del caso e secondo ben precise disposizioni di legge proprio per la pericolosità dello stesso, pericolo presente non quando il manufatto è integro ma quando è deteriorato e che viene demolito causando polvere di amianto. Ora il pericolo è soprattutto per chi ha eseguito il lavoro se non si è attenuto alle norme di legge che prevedono maschere particolari , tute, e sacchetti speciali per portare via l'amianto. La squadra che ha eseguito i lavori aveva tutto questo ? Le consiglio di fare eseguire un sopralluogo da parte dei tecnici ARPA della ASL dove abita , illustrando la situazione
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 121XXX

grazie per la risposta.
Sinceramente non so se il corredo di cui erano provvisti e' quello previsto per questi lavori. La squadra ha comunque portato via il materiale in sacchetti di plastica.
Per far fare il sopralluogo da parte di tecnici ARPA, in genere trascorre molto tempo dalla richiesta a quando intervengono direttamente?
Ha dei costi particolari? questa informazione mi serve per sapere se devo coinvolgere il condominio o se posso farla da solo.
Dato che la vasca e' ormai via, sicuramente portata in opportuni centri di raccolta, i tecnici ARPA verrebbero comunque a fare il sopralluogo solo per analizzare la presenza di polveri?
Grazie

[#3] dopo  
Utente 121XXX

Aggiuno un altra domanda al mio precedente post.
L'esposizione non diretta alla polvere durante lavori, ma una esposizione passiva a polveri residue in ambiente (esempio trasportate da indumenti dal luogo di lavoro ad un'altro ambiente, oppure trasportate da comuni spostamenti d'aria) e' in genere nociva e motivo di preoccupazioni?
Grazie

[#4] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
IL danno maggiore è per chi esegue questi lavori senza le dovute protezioni, mentre per lei , se non sono rimaste polveri negli ambienti, il rischio è molto basso. Muovetevi come condomio attraverso il vostro amministratore
Un saluto

A. Baraldi

[#5] dopo  
Utente 121XXX

grazie