Utente 269XXX
salve volevo avere delle delucidazioni riguardanti dei vaccini che mi hanno somministrato per il lavoro che faccio.il 19 09 2005 mi hanno fatto il vaccino della trivalente ed antimeningo poi il 09/05/2005 mi hanno fatto il vaccino dell'antitifica e dell antitetanica e poi il 26/06/2005 mi hanno fatto l'antieptita Aprima dose e antiepatite B ora volevo sapere se la sequenza è stata giusta se fare 2 vaccini lo stesso giorno è una cosa sana per la mia saluta grazie.premetto che ho letto su internet che parecchi vaccini tra cui anke questi che vi ho elencato sono nocivi cioè contengono quantita di mercurio elevate per la salute grazie e spero di essere stato chiaro
premetto che sono nato nell 85 ed ho tutti i vaccini obbligatori

[#1] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato

28% attività
0% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009

Va spesso all'estero per lavoro ? Ha l'epatite c ? Si occupa di smaltimento rifiuti ?

Se per trivalente intende la D.T.P. ( difterite tetano pertosse ),avendo fatto tutte le vaccinazioni previste da bambino, ne bastava una come richiamo , e poi una ogni dieci anni.

l'antimeningococcica può essere contro la meningite c in mono -somministrazione, oppure tetravalente ,contro la meningite a;c;w;y; ( quest'ultima si fa , di solito , a chi va nei paesi arabi , sempre come mono -somministrazione).

Il vaccino anti- tifico può essere per via orale od iniettiva ( copertura vaccinale circa 2- 3 anni ).

Considerato che Lei è nato nell'85 l'antiepatite b doveva averla già ricevuta in tre dosi a 12 anni e , quindi ,non doveva farla od al massimo ,dopo una titolazione anticorpale, fare un richiamo.

Per quanto riguarda la vaccinazione contro l'epatite a, avrebbe dovuto farne un'altra entro l'anno per ottenere un'immunità molto duratura.

Sta uscendo un nuovo vaccino contro la meningite tipo b che sembra funzioni molto bene , che permetterà, insieme agli altri , di raggiungere una protezione importante contro le meningiti batteriche. Lo ha realizzato a Siena Rino Rappuoli, che già nel 1990 aveva realizzato il vaccino ricombinante contro la pertosse.

Quello che Le scrivo va preso con beneficio di inventario, bisognerebbe disporre del libretto delle vaccinazioni oppure del certificato asl aggiornato .

Comunque , per quanto concerne le Sue paure, tenga presente che i vaccini che Lei cita sono tutti derivati da frazioni batteriche o virali e non sono in grado di riprodurre l'infezione.

Tenga presente, inoltre, che ai neonati si praticano fino a sette vaccinazioni , riunite in due iniezioni, naturalmente , non in sette iniezioni , e non mi è mai capitato di vedere reazioni importanti
Cordiali Saluti
Dr. piero alessandro casonato