Utente 201XXX
Salve,ho 50 anni da 33 anni sono malato di epatite b e da 15 anni sono negativo.
il mio quadro clinico nonostante la malattia è stabile da qualche anno, a livello egografico c'è un'ipertrofia lobo sx del fegato ed ecostruttura disomogenea, ricanalizzazione par-ombelicale, lieve versamento ascitico in sede peri-epatica e splenica nei quadranti inferiori, seppure con splenomegalia. nessuna particolare alterazione dei valori ematochimici, solo la calcemia e la ferretina un po basse, non replicanza del virus b. Lievissimo deficit protrombinico associato a ipocromia con microcitosi, persiste la trombocitopenia. Ho un problema da 1 anno dopo un deperimento fisico durato tre mesi con calo di peso di 10 kg per motivi di vita quotidiana, nei rapporti sessuali che non ho più con lo stesso desiderio e con la stessa frequenza 4/5 a settimana e quando quella volta a settimana ho un rapporto non riesco ad avere la stessa erezione di prima e quando sono nell'atto penso speriamo che regga invece subito dopo cade, riesco a concluderlo ma dopo tentativi con massima concentrazione. Mi è stato detto che questo può succedere dopo 25 anni di matrimonio ma non è così perchè anche in situazioni extra è la stessa cosa. Io nonostante la malattia conduco una vita normale esteticamente sono di bell'aspetto e non si vede che sono malato, ovviamente seguo una terapia e dieta alimentare. Ho eseguito anche dei controlli andrologici ed è tutto nella norma. Spero mi possiate dare un consiglio perchè penso che sia ancora presto tirare il remo in barca nonostante il mio stato generale e l'età.
Ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe De Vita

20% attività
0% attualità
0% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
certamente il calo della libido può essere messo in relazione alla malattia epatica cronica ma anche al calo degli ormoni' pertanto si consigli con un andrologo che certamente potrà aiutarla a risolere il suo problema.




















































































































































































































































































Giuseppe de Vita