Utente 224XXX
i risultati del 21 sett 2011 dell'esame hcv rna quantitativo recitano quanto segue: viremia non rilevabile, inferiore alla sensibilità; sensibilità: del metodo 70 ul/ml. hcv rna genotipo: viremia non rilevabile, genotipo non eseguibile. domanda: 1. nel mio caso, il metodo di sensibilità del quantitativo esclude del tutto la presenza del virus? possibile che nel mio caso, il quantitativo sia poco attendibile rispetto al qualitativo? pongo questo quesito perchè il 2 settembre 2011 il test hcv ricerca anticorpi è risultato positivo e da non esperto del settore mi chiedo perchè dopo 20 gg non ci sia viremia che possa essere rilevata dall'hcv rna quantitativo ma solo dal qualitativo. in 20 gg (se non di più considerato il periodo di incubazione) è possibile che la viremia sia rimasta costantemente sotto la soglia di sensibilità del metodo quantitativo (70 ul/ml)?

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
il test qualitativo ha una sensibilità maggiore per quel che riguarda la ricerca di virus; tuttavia lei scrive di un confronto tra HCV-rna qualitativo e ricerca di anticorpi: non sono test confrontabili. La positività per anticorpi anti-HCV significa semplicemente che vi è stata infezione, non che vi è replicazione virale in corso, e non cambia nel tempo se risulta positiva. Il test di ricerca per HCV-rna qualitativo è utile - se vi è replicazione virale in corso - per definire il genotipo virale e la risposta alla terapia. Un test HCV-rna non dosabile è inteso come assenza di replicazione virale in atto.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.