Utente 423XXX
Buonasera, volevo chiedere gentilmente un parere professionale.
Mi sono frequentata per circa due mesi con un ragazzo che ha l'herpes genitale, inizialmente non ho dato peso a questa cosa e abbiamo fatto sesso non protetto nei periodi in cui lui non aveva alcuna manifestazione (perchè secondo il parere del suo dermatologo poteva non usare il preservativo nei periodi di latenza). A distanza di tre giorni dall'ultimo rapporto non protetto, a lui compare la manifestazione clinica dell'herpes. Io ho iniziato ad avere dei bruciori e pruriti, cosi dopo una settimana precisa vado a fare l'esame del sangue per la ricerca degli anticorpi e una visita ginecologica. La ginecologa mi dice che ho la candida e che non vede alcun segno di herpes! Dopo 5 giorni mi arrivano i risultati del prelievo: le igG anti herpes simplex 2 sono a 0.10 (riferimento negativo: <10, positivo >10) e le igM sono a 16.90 (riferimento negativo: <20, positivo >20). Quindi questo esame risulterebbe negativo. Quello che chiedo io in questa sede è:
-è possibile che gli anticorpi non si fossero ancora formati essendo passata solo una settimana dal presunto contatto?
-è normale avere un valore di 16, quindi molto vicino alla soglia di 20?
-è consigliabile rifare gli esami del sangue lasciando passare un periodo maggiore per avere la certezza di non essere stata contagiata?
In definitiva chiedo se gli accertamenti che ho fatto sono sufficienti e se posso considerare di non essere stata contagiata o se ancora non posso considerare questa spiacevole situazione conclusa. Ringrazio per la disponibilità di chi vorrà risolvere questo mio dubbio, essendo una studentessa fuori sede e non avendo modo di parlare con il mio medico di famiglia.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Guardi,
premesso che parliamo di una MST che se continua a stare con il suo ragazzo probabilmente prima o poi contrarrà ma che non è pericolosa, se al momento del rapporto il suo partner NON aveva lesioni genitali è molto difficile che l'abbia contagiata.
Quindi presumo che la negatività - tale deve essere considerata - sia delle IgM che delle IgG sia da considerarsi attendibile.
E' vero anche che quando il suo ragazzo non ha lesioni non è contagiante e il profilattico può essere evitato.
Se vuole tranquillizzarsi può ripetere gli esami per HSV I - II (IgM+IgG), se questo le dia tranquillità, tra una diecina di gg.
Le ricordo che oggi si sa che anche HSV I, quello che provoca l'Herpes labialis, può provocare manifestazioni genitali nel maschio e nella femmina.
Quindi, quando lei abbia eventualmente un Labialis il suo ragazzo deve indossare il profilattico se lei gli pratica una fellatio.
In conclusione: si rassereni. Rischi seri non ne corre e se il suo ragazzo è fedele se lo tenga stretto con il suo Herpes.
A disposizione per qualunque chiarimento.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 423XXX

La ringrazio molto per la pronta e chiara risposta. Credo che rifarò gli esami e cercherò di stare più tranquilla!
Buona serata

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Arrivederci.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.