Utente 475XXX
Buongiorno, nel mese di Dicembre a seguito di vescicole comparse sui genitali è molto dolorose mi è stato diagnosticato dalla mia ginecologa (solo guardando senza alcun tipo di test o altro) un Herpes vaginale e prescrittomi così un ciclo di una settimana con un antivirale (aciclovir), due compresse al giorno. Il mio fidanzato presentava vescicolette, ma più simili a brufoletti, non dolorosi e solo sul pube. Tant’e Che non se ne era nemmeno accorto, in queanto non asintomatiche è davvero poche. Sembravano più irritazione da depilazione. Nel mio caso invece è stato differente, ho passato una settimana d’inferno, forte dolor, bruciore e non riuscivo a stare seduta. Il medico del mio fidanzato, dopo averlo visitato, ha affermato non si trattasse di Herpes è così ha prescritto a me alcuni tamponi da eseguire tra cui chlamidia, mycoplasma, ureaplasma, gonorrea ed esami del sangue. Dopo circa due settimane ho eseguito gli esami del sangue e i tamponi e la scoperta è stata particolare: i tamponi tutti negativi ad eccezione per ureaplasma e mycoplasmi, e negli esami del sangue gli igG di Herpes 1 e 2 risultano assenti! Ciò significa che non era Herpes? La mia ginecologa mi ha risposto dicendomi che si trattava di Herpes ma probabilmente il tempo trascorso e stato troppo breve e per questo avrei dovuto eseguire gli igM (in ogni caso quando ho fatto gli esami del sangue, non avevo più L infezione in corso, dato che erano passate due settimane). Il medico del mio fidanzato invece, osservando gli esami ha riaffermato ciò che aveva detto , ovvero che non si trattava di Herpes ma probabilmente un’eruzione dovuto Ad altro come strrafilococchi o altro. Può essere possibile ? Sicuramente ripeterò gli esami del sangue. Mentre per risolvere il problema di ureaplasma e micoplasmi sia io che il mio fidanzato abbiamo eseguito una cura per 5 giorni con il miraclin. Resto in attesa di vs chiarimenti
Cordialita

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Dal mio punto di visita gli esami anti herpes non servono per comporre una diagnosi di herpes genitalis: molto meglio la valutazione clinica in corso di malattia.

Pertanto laddove dovessere ravvedere un ulteriore manifestazione clinica, la pregherei di recarsi in tempi brevi dal venereologo al fine di far diangosi e reperire la corretta terapia che ad oggi si basa sull’utilizzo di nuovi farmaci molto efficaci.

Carissimi saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 475XXX

Perfetto, grazie Dottore! Anche se a breve rifarò gli esami del sangue e credo comunque di inserire anche igM e igG dell’herpes. In ogni caso, durante la manifestazione erpetica, se questa era, ci aveva prescritto sia a me che al partner una settimana di aciclovir due volte al dì.
Tuttavia la peculiarità della diagnosi è stata che il Venereologo visitando il mio fidanzato non ha ritenuto si trattasse di Herpes, mentre la mia ginecologa visitando me, lo ha confermato, affermando inoltre che s trattava sicuramente di una prima manifestazione. Quindi le diagnosi nonostante siano basate sulla visita concreta, sono abbastanza discordanti.
Un cordiale saluto