Utente 460XXX
Gentilissimi Dottori, pongo alla vostra attenzione il mio caso, che mi sta dando non poca preoccupazione.
Ormai due settimane fa, ho avuto un rapporto sessuale non protetto con coito interrotto con la mia ragazza , il primo in assoluto.
So bene che sia un gesto sconsiderato infatti me ne sono subito pentito.
Come se non bastasse la mia ragazza era affetta da placche in gola e piccole afte sulle labbra, il che non fa altro che risaltare la mia sconsideratezza.
Dopo circa una settimana, mi sono comparse sulla lingua delle brigole biancastre, alcune più grosse altre di dimensione ridotte che mi provocano un forte bruciore per tutta la superficie della lingua.
Davvero poco riesce a darmi sollievo, nemmeno la crema "aftamed" che spalmo da ormai 2 giorni sopra la superficie delle lingua oltre alle compresse di "Sporanox" le quali a detta del medico curante dovrebbero scongiurare il tutto.
In farmacia, spiegando la situazione, é stato detto a mia madre che in tutta probabilità la mia ragazza mi ha attaccato le afte, che sono appunto sfociate su tutta la superficie della lingua.
Io invece, spaventato dall'intenso bruciore e dalla quantitá di queste brigole biancastre, temo in qualche MST più seria.
Potrei essere incorso in qualcosa?
Grazie mille in anticipo del vostro tempo e della vostra pazienza.
Tengo a precisare, che il palato e la gola sono normali, non noto ne arrossamenti ne formazioni biancastre tipiche del mughetto o di altre malattie simili.
Ogni tanto però, quando tossisco e raschio di gola, assieme alla saliva posso notare del sangue in lievissima quantitá, che fa assumere a quest'ultima una colorazione leggermente più rosea.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
non saprei cosa siano le brigole, presumo delle ulcere.
E' possibile che ella abbia una aftosi linguale, ma senza vedere le lesioni le supposizioni lasciano il tempo che trovano.
Peraltro la somministrazione dello Sporanox, cioè di un farmaco antifungino, non capisco quale pericolo dovesse scongiurare.
Infatti non ne ha tratto alcun beneficio clinico.
Le afte tendono a risolversi in 10 gg: perciò curi l'igiene orale, continui con il coadiuvante che sta usando, ed appena può, se la situazione non migliora, si faccia vedere da un Infettivologo o da un ORL.
Di più per via telematica non è dato di dire.
Saluti cari,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 460XXX

Gentile Dottore, col termine "Brigole" intendo dei brufoletti biancastri che mi sono comparsi su tutta la superficie della lingua.
Non noto nessun' ulcera.
Inoltre, ho dimenticato di dire che sul palato sono presenti altri piccoli brufoli che mi provocano non poco fastidio.
Grazie comunque della sua celere e utile risposta !