Utente 477XXX
Salve dottori.
Ho effettuato a 125 giorni dal comportamento a rischio un test per la sifilide che ha questi risultati.

Tpha quantitativo: <1:80 (valori riferimento <1:80 negativo)

VDRL Non reattivo

Non ho contratto la malattia e sono negativo?
Oppure l ho contratta e facendo casualmente una settimana di Velamox l' ho guarita negativizzando anche il Tpha?
Oppure semplicemente non l ho mai contratta?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
lei la Sifilide non l'ha mai contratta.
Sia pure certo di questo perchè anche nelle forme di Lue ben trattate vi è la negativizzazione della VDRL ma resta positivo per tutta la vita a titolo variabile il TPHA, che in lei non è tale.
Sia sereno.
Cordiali saluti.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 477XXX

Dottore quindi posso ritenermi negativo e chiudere definitivamente la questione ? A 125 giorni reputa definitivo il mio test?
La ringrazio per la risposta e la voglio ringraziare per i preziosi consigli che da. La ringrazio davvero tanto dottore.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve.
Certamente.
La questione può, direi deve, essere archiviata.
Cordialità.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 477XXX

Dottore ho un dubbio atroce:
Qualche giorno dopo l'episodio a rischio ho intrapreso una cura antibiotica con velamox x circa 7/8.
Ho due domande:
Questa cura antibiotica puo aver influenzato il test per la lue? Credo siano passati piu di 100 giorni dalla fine del trattamento.

Questa cura antibiotica potrebbe aver curato la sifilide da subito facendo negativizzare addirittuea il Tpha? O comunque si sarebbe vista la positivita al tpha?

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
le devo chiedere se lei legge con attenzione le mie risposte.
Perchè le ho già detto che quando una Sifilide si curi in modo opportuno o "accidentale", che è la paura che ha lei, si ha la Negativizzazione del test Reaginico (la VDRL) ma non si verifica MAI la negativizzazione del test Treponemico (nel suo caso il TPHA) che resta come cicatrice immunologica per tutta la vita.
Pertanto, sperando di non ricevere una ulteriore richiesta, si convinca di non essere mai venuto in contatto con il Treponema Pallidum e di non avere mai avuto in vita sua la Sifilide.
Cordialità.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 477XXX

Dottore mi scusi ha assolutamente ragione. Le pongo il mio ultimo quesito e le giuro che non le daro piu fastidio...sa l ansia l angoscia in certi casi fanno brutti scherzi,
Il fatto di aver fatto questa terapia antibiotica avrebbe potuto "falsare" i test per la sifilide? O e' passato un lasso di tempo adeguato affinche questo rischio non ci sia? La ringrazio x tutto e la saluto qui in modo da non recarle altri disturbi.chiedo scusa ancora.

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
LEI NON HA AVUTO LA SIFILIDE MAI!!
Se ne faccia una ragione.
Mettere in dubbio che io non abbia capito il suo problema denota scarsa fiducia nella mia intelligenza e professionalità.
Se vuole credermi mi creda: diversamente si rivolga ad uno degli 8000 Colleghi che forniscono consulenze su MI+.
Cordialità.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.