Utente 170XXX
Dovendo accingermi a eseguire lavorazioni in locali con atmosfera di azoto con quantità di ossigeno estremamente limitate – previa acquisizione di tute le modalità operative del caso (autorespiratori etc.) – sarei comunque interessato a capire esattamente alcuni aspetti circa i rischi derivanti da ipossia o anossia.
In particolare non mi è chiaro nel caso di inalazione accidentale di atmosfera costituita da azoto con quantità di ossigeno molto scarse:
esattamente dopo quanto tempo si perdono i sensi;
quali altri sintomi si evidenziano;
si producono già effetti dannosi irreversibili contestualmente o prima dello svenimento;
quali interventi di pronto soccorso devono essere posti in atto subito dopo la perdita dei sensi per scongiurare danni irreversibili o peggio la morte.

[#1] dopo  
169091

Cancellato nel 2013
Con l'impiego di tutti i dispositivi di protezione individuale e collettiva per lavorazioni in simili ambienti il rischio di incorrere nelle condizioni da te descritte è prossimo allo zero.
Per avere maggiori chiarimenti in merito a potenziali effetti dannosi in difetto di misure protettive e strategie di primo soccorso ti suggerisco di rivolgerti sul forum ad uno specialista in anestesia e rianimazione.
---