Utente 204XXX
Salve sono una ragazza di 23 anni da poco assunta in un supermercato reparto gastronomia ho una domanda da porre che mi sta molto a cuore.Ho tre piccole ernie due alla schiena e una cervicale nel mio reparto si alzano continuamente pesi massimo 10 kg e un po ogni tanto ho fastidio alla schiena ma niente di grave solo la mia paura è che in qualche modo m si possa complicare,ma siccome ho bisogno di questo lavoro e non posso assolutamente permettermi di smettere cosa ne pensate rischio qualcosa?posso star tranquilla?Rigrazio veramente di cuore a chi scioglie questo mio grande dubbio che sinceramente m fa stare male!!

[#1] dopo  
Dr.ssa Chiara Carpenedo

24% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
salve,
nel lavoro che svolge, solo le ernie lombari potrebbero, ma non necessariamente creare problemi alla lunga (negli anni), ma tutto dipende dall'entità dell'ernia (bulging) e soprattutto del carico di lavoro sulla colonna, al quale lei è sottoposta.
eviti le rotazioni della colonna.
auguri ed in bocca al lupo per il suo nuovo lavoro.
Dr.ssa Chiara Carpenedo

[#2] dopo  
Utente 204XXX

La ringrazio per la risposta rapida,le allego di seguito la mia attuale risonanza magnetica...al momento ho solo piccoli fastidi a livello di bracci a amuscoli ma penso che il tutto sia dovuto all abitudine del nuovo lavoro!Metameri in asse allineati e lordoi fisiologica con tendenziale inversione avente fulcro a C5 C6 Concomita protusione discale posteriore ad ampio raggio prevalente paramediana destra a C5 C6.Ernia discale posteriore mediana tendente alla dislocazione caudale C6-C7 con impronta sullo spazio sub racnoideo anteriore.Nek campo di vista compreso dall occipite fino a D4 il canale spinale mostra a livello cervicale medio e caudale costituzionale riduzione di calisbro ed il midollo spinale è normale per spessore e segnale di struttura....Ora le è piu chiaro?la pensa ancora come prima?la ringrazio di cuore...

[#3] dopo  
Dr.ssa Chiara Carpenedo

24% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
buongiorno,
in effetti la sua RNM cervicale è da tenere sotto controllo e dovrebbe sottoporsi a visita (NCH o Fisiatrica) per capire l'entità dei suoi fastidi che probabilmente, a ben guardare posso essere di pertinenza neurologica (compressione nervosa periferica)ai 2 livelli segnalati alla RNM.
Vi sono infatti delle terapie fisiche e dei farmaci che potrebbero, in tal caso ridurre la sintomatologia.
per capire invece se vi è razionale ad una risoluzione di tipo chirurgico, deve riferirsi ad un neurochirurgo.
Data la sua età e la presenza di sintomi, seppur lievi, sarebbe il caso.
Non si trascuri.
Cordiali saluti
Dr.ssa Chiara Carpenedo

[#4] dopo  
Utente 204XXX

Salve grazie per la risposta è veramente gentile,le volevo dire che gia ho consultato anche un neurologo e diversi dottori che hanno detto che la mia ernia è minima e posso fare qualunque cosa,purtroppo ho avuto problemi con un attivita che ho appena chiuso e stavo veramente male a causa dell ansia che mi ha bloccato il braccio, da quando sono andata da un pranoterapeuta sono rinata in due sedute.....e dicono che l unico modo per rinascere e rientrarla sia il nuoto infatti quest inverno ho intenzione di iniziare gia quest estate sto facendo degli esercizi al mare e sto meglio...anche chirurgicamente mi hanno gia detto che le erniette cervicali non si possono toccare in qanto molto delicate e di solito non danno grandi problemi...l unico mio problema è l ansia che ho che m blocca altrimenti starei bene!!e se so che posso tranquillamente lavorare quest ansia se ne andrebbe senza problemi,e senz altro starei meglio...l unica mia domanda era quella,posso fare tranquillamente il mio lavoro?mi scusi per l ansia che le potrei dare ma questo per me ora è veramente molto importante....

[#5] dopo  
Dr.ssa Chiara Carpenedo

24% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
visto che ha già avuto consulti specialistici, mi sento di dirle di star serena.
si applichi nel suo lavoro con tranquillità.
in bocca al lupo.
Dr.ssa Chiara Carpenedo