Utente 410XXX
Salve,
Sono un infermiere professionale, lavoro in una RSA.
Dal 2011 ho la diagnosi di psicosi nas, e dall'anno scorso mi hanno riconosciuto la malattia professionale per tre ernie discali.
Attualmente, solo col certificato dello psichiatra faccio 6 ore lavorative al giorno e un turno fisso, 4 giorni lavorativi e 2 di riposo.
La mia vita è normale, sono ben compensato, non ho avuto altri ricoveri, sono sposato.
Il problema sono le ernie discali, che dopo sei mesi di benessere sono tornati i dolori. Mi sto curando con l'ozono terapia.
L'anno scorso ho speso tremila euro in spese mediche. L'ozono terapia mi costa 50 euro a seduta.
Volevo sapere, se faccio l'invalidità civile ( ho avuto un infortunio al ginocchio sinistro nel 2008 e ho fatto due interventi, in pratica non ho più ripreso al 100% la muscolatura della gamba sinistra) vado incontro a problemi col mio lavoro? Al massimo che diritti avrei?
Lo psichiatra fino a poco tempo fa era contrario, adesso sembra a favore.
Mi dica il più possibile, anche per prendere una decisione.
La ringrazio.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli

24% attività
4% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Il riconoscimento di invalidità civile non comporta problemi particolari con il lavoro, anzi l'invalido riconosciuto formalmente ha maggiori garanzie, per esempio in caso di licenziamenti collettivi. È quindi quasi sempre opportuno fate la domanda di invalidità, al Max si rischia un rifiuto.

Cordialmente,
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Egr. Dottore
La ringrazio per la sua utile consulenza.
Distinti saluti
Antonio Miceli

[#3] dopo  
Utente 410XXX

Egr. Dottore/i,
Da due giorni sono andato al patronato, per avere informazioni sull'invalidità. Oltre alla psicosi nas ho la malattia professionale per tre ernie discali ( che mi costano più di 100 euro al mese per l'ozono terapia) e un infortunio sul lavoro al ginocchio sinistro dal quale non mi sono più ripreso, gamba con meno muscolatura con conseguente spostamento del carico a destra.
Ebbene non ho avuto nessuna spiegazione, mi hanno solo detto di fare domanda solo per il ginocchio e la schiena, e dicendomi di lasciare perdere la psicosi. Io prendo una terapia anti psicotica e mi capita di assistere a pazienti psicotici che prendono meno farmaci di me ( sono infermiere professionale). Mi hanno detto che lavoro, guido, sono sposato etc. Come una persona normale, quindi non mi darebbero niente.
Io vorrei solo sapere, se voi potete, dirmi i pro e i contro di una mia invalidità civile completa di psicosi nas, quali sono le tutele e diritti e in caso rimanessi senza lavoro cosa potrei fare ( la casa di cura dove lavoro è parecchio in crisi ( quindi una domanda lecita) e quali sono i contro. Ve lo chiedo per favore, vi ringrazio.
Distinti saluti

[#4] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli

24% attività
4% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Come già le accennavo nella precedente risposta, a mio parere è sempre conveniente fare la domanda di invalidità mettendo tutte le patologie note e documentabili. Se poi la commissione non ne riconoscerà qualcuna pazienza, il richiedente non ci avrà perso nulla, tanto più che la domanda per una patologia ha lo stesso costo di quella per10!
A mio avviso quindi conviene fare la domanda riportando la patologia psichiatrica. Il mancato riconoscimento non comporta alcuna conseguenza per il lavoratore se non gli oneri economici che ha dovuto sostenere per avviare la pratica e il tempo che ha perso.
I vantaggi per il lavoratore, in particolare appartenere a una quota protetta in caso di licenziamenti collettivi, scattano solo dopo una certa percentuale di invalidità, superiore al 67%.
La pratica di invalidità civile può essere inoltrata anche semplicemente dal suo medico curante, o altro sanitario accreditato all'Inps, senza l'appoggio di altri.
In genere i patronati sindacali sono molto esperti in materia e sanno dare utili consigli. Non mi sembra però che sia stato il suo caso. Provi a sentire il suo medico curante prima di rivolgersi a un medico legale o medico del lavoro privato.
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli

[#5] dopo  
Utente 410XXX

Grazie dottore, farò come dice, è stato molto veloce a rispondere, la ringrazio ancora.