Utente 274XXX
Buongiorno, faccio una domanda un po’ inusuale vista la mia professione. Sono un tecnico asl e mi capita di fare dei sopralluoghi per controllare la corretta esecuzione della rimozione amianto in materia di sicurezza sul lavoro. Sono nuovo nel fare questa attività (ho iniziato ottobre 2018) e ho controllato 5 cantieri amianto. Il problema è che ho una folta barba e utilizzando la maschera filtrante ffp3 mi sono reso conto (documentandomi su internet) che l’utilizzo della machera é totalmente inefficace. Da considerare che il mio sopralluogo in cantiere avviene a lavorazioni ferme, con amianto (compatto) rimosso ma già incapsulato. Vorrei sapere se ho rischiato veramente di essermi respirato qualche fibra e se devo seriamente preoccuparmi. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
Il problema delle maschere filtranti usate da soggetti che portano la barba è un annoso problema che non ha mai trovato una soluzione certa. A rigor di legge ove il lavoratore non sia disponibile a radere la barba, di fatto si trova in una condizione di non poter utilizzare efficacemente la maschera filtrante e quindi verrebbe meno l’idoneità a svolgere la mansione che ne prevede l’uso.
Detto questo, una soluzione potrebbe esser quella di utilizzare un sistema di protezione delle vie respiratorie a pressione positiva provvisto di cappuccio non a tenuta. Questo tipo di dispositivo è composto da un motore fissato alla vita a cui si applicano dei filtri specifici per il contaminante; un tubo di respirazione collega il motore a un cappuccio che copre fin sulle spalle del lavoratore. Lavorando in sovrapressione non è necessario che il copricapo sia a tenuta. In questo modo l'operatore è protetto anche con la barba.
Naturalmente il costo di questa apparecchiatura e maggiore delle comuni maschere ffp3 e necessità di manutenzione e ricarica delle batterie.
Infine, tenuto conto delle modalità e dei tempi di esposizione da lei indicati, non penso si sia esposto ad un maggior rischio rispetto alla popolazione generale.
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#2] dopo  
Utente 274XXX

Grazie mille. Super esaustivo