Utente 580XXX
Buonasera, ho subito un infortunio sul lavoro con frattura pluriframmentata dell’omero...subito una operazione con inserimento di placca e viti...l’INAIL mi ha riconosciuto una invalidità del 16%, nella documentazione dell’ospedale dove sono stato operato hanno specificato la limitazione all’arto dx quello operato e non posso lavorare con quel braccio, non posso alzare pesi più di 5kg e fare movimenti cintinui e ripetitivi nell’arco della giornata...posso rientrare in una categoria protetta?
a chi devo chiedere?
a causa di questa limitazione al braccio sono stato licenziato, quindi ora sono disoccupato e con una limitazione al braccio...non so che fare...

[#1]  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
la legge 68/99 prevede che per poter essere iscritti nell'elenco delle cosiddette "categorie protette" bisogna avere uno dei seguenti requisiti:
-individui con invalidità civile di grado superiore al 45%;
-invalidi del lavoro con percentuale di invalidità superiore al 33%;
-non vedenti e sordomuti;
-invalidi di guerra, invalidi civili di guerra e invalidi per servizio;
-vedove, orfani, profughi ed equiparati ad orfani;
-vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.
Avendo lei una invalidità del lavoro del 16% non rientra in nessuna delle sopraindicate condizione.
Per valutare la possibilità di richiedere un aggravamento, le consiglio di rivolgersi ad un ente di patronato per la gratuita assistenza.
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro