Utente 253XXX
Egregi Dottori,
sono uno psicologo di 28 anni domiciliato a Roma e vorrei chiedervi un consiglio tecnico ringraziandovi in anticipo per le risposte che spero effettuerete.
Ho inizato "palestra" da poco più di una settimana, in un centro abbastanza assortito, e ho subito sottoposto all'attenzione degli operatori una condizione strutturale che porto avanti dall'adolescenza. Mi furono, infatti, diagnosticate delle condizioni di scoliosi e cifosi lievi fisiologico-posturali. Dai 14 ai 16 anni ho giocato a calcio, poi nulla se non calcetto con gli amici, e un pò di nuoto da marzo di quest'anno (per 10 lezioni) per partecipare ad un concorso.
Per fortuna, non ho mai avuto problemi alla schiena, nessuna cefalea, nessun disturbo. Dal punto di vista estetico, si nota un pò di curva lombare con sporgenza dell'addome ma nulla di particolarmente vistoso o dichiaratamente patologico.
Leggendo un pò di articoli scientifici nel web, sono stato colto da alcuni dubbi, ossia sulla qualità dell'esercizio pesistico su condizioni di questo tipo, rafforzati dal fatto che l'esercizio con i pettorali mi provocava solo sensazioni alle braccia, e gli esercizi addominali mi premevano un pò troppo sulla zona lombare.
Vi dico subito che la scheda in questione prevede 12 esercizi, con quelli aereobici. Cyclette, cross trainer, addominali, dorsali, un pò di macchine con i pesi, passo lungo su tapis roulant (nulla di fanatico, insomma).
Secondo il vostro punto di vista, posso continuare con tranquillità, o rischio di condizionare la mia struttura fisica aggravando magari quelle piccole condizioni poco visibili?
Vi prego, non consigliatemi fisioterapia, nuoto o visite: vorrei solo un parere "culturale" di settore e visto che la palestra mi sta piacendo vorrei solo stare un pò più tranquillo...
Grazie.


[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Mi dispiace ma il "parere culturale" che lei vorrebbe non può essere dato a distanza e senza un esame delle sue reali condizioni cliniche.
Le consiglio quindi di rivolgersi allo specialista in medicina dello sport per una visita (comunque quantomeno "consigliabile", se non obbligatoria, prima di iniziare una attività sportiva): sarà lui, sulla base della visita e degli eventuali esami eseguiti a darle le indicazioni necessarie.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2]  
88469

Cancellato nel 2016
Concordo pienamente con quanto Le e' stato consigliato,rivordandoLe che e' necessario che la programmazione degli esercizi in palestra deve essere personalizzata proprio per evitare potenziali danni all'apparato neuromuscolare e scheletrico