Utente 233XXX
sono arturo e ho 18 anni e gioco a calcio.Da 2 anni a questa parte sono spesso soggetto a continui infortuni.circa 1 anno fa ho sofferto una tendinopatia inserzionale al bicipite femorale della gamba dx che ho curato con la tecar terapia;quest'anno,cominciata la preparazione ho avuto dolori intensi ad entrambe le gambe,nella parte interna del tibiale.ho fatto l'elettromiografia e una risonanza magnetica nella zona lombo-sacrale e non hanno riscontrato alcun problema.ho continuato a giocare e per un pò di tempo non ho avvertito piu dolore fino a quando durante una partita mi sono allungato è ho sentito tirare il bicipite femorale sx e mi sono dovuto fermare;ho fatto l'ecografia ma non c'era alcuno stiramento o lesione muscolare quindi siccome era un dolore che mi era comparso già da qualche giorno suppongo che fosse stato nuovamente un problema di tendinite.prima di questa partita però durante un allenamento,forse perchè non mi ero riscaldato a dovere,complice il fatto che ero stato fermo per qualche giorno,non riuscivo a correre,mi sentivo appesantito quindi ho avvertito un forte affaticamento agli adduttori.sono stato fermo per 15 giorni per curare il problema al bicipite femorale ma quando ho ripreso a correre dopo 5-10 minuti gli adduttori continuavano a andare in affaticamento.tuttavia mi sono rivolto ad un podologo che mi ha rilevato un piattismo di primo grado con pronazione verso l'interno e mi ha prescritto un plantare che sono andato a ritirare la mattina.il pomeriggio stesso sono tornato a fare allenamento è ho ricominciato a correre e ho continuato dopo 5-10 minuti di corsa ad avvertire questo affaticamento agli adduttori.il mio dubbio sta nel fatto che se fosse stato un normale affaticamento dopo alcuni giorni di riposo il problema sarebbe risolto e invece persiste.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Poichè non ha ricevuto risposte in questa area provi a ripostare anche in ORTOPEDIA
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com