Utente 594XXX
Gentili dottori, ho 34 anni soffro da tempo di dolori al collo, che partono dalla nuca e si propagano anteriormente, porovocandomi una sensazione di costrizione, nonchè dolori alle orecchie e sensazione di "parlare con il naso".
Mi sveglio tutte le mattine con questi disturbi, che mi aumentano progressivamente durante la giornata, sopratutto se seduto arrivando alle braccia e al petto e mi provoncano anche sensazione di "essere in aria" non riuscendomi a concentrare pienamente su quello che faccio.
Una RMN con mdc alla colonna cervicale eseguita due mesi fa ha evidenziato quanto segue:
- riduzione della fisiologica lordosi cervicale con tendenza all'inversione;
- iniziale spondilo-uncoartrosi con tendenza all'apposizione osteofitosica;
- bulging dell'anello fibroso di c5 - c6;
- barra disco-oasteofitaria di c6 - c7 mediana-paramediana destra ad orientamento interforaminale omolaterale, la stessa induce sollevamento del legamento longitudinale posteriore ed impronta del sacco durale;
- ridotto in ampiezza ed ipointenso lo spazio intersomatico di c6-c7;
- canale vertebrale ai limiti volumetrici in c6-c7.
Ho eseguito i PESS e i PEM entrambi nella norma;
Da visita neurochirurgica mi è stato prescritto siralud 2 mg. 2 volte al di - liposom forte punture, nonchè ginnastica posturale.
Ho seguito le "istruzioni" senza risultato alcuno.
Vorrei sapere se i miei disturbi sono da riferire esclusivamente alla patologia cervicale o se è necessario eseguire altre indagini.
Questi fastidi che provo sono davvero invalidanti.
Grazie anticipatamente per la Vs. disponibilità.

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr.paziente, è indispensabile un consulto accurato specialistico ortopedico per valutare clinicamente ogni cosa e stabilire dopo un'analisi della rmn e delle radiografie il da farsi.
Lei è verosimilmente anche un soggetto ansioso e ciò le aumenta lo stato di disagio psico-fisico.
Ha cervicobrachialgia ? Ha turbe sensibilità alle mani ?
Quella sola terapia e la ginnastica di attivazione del rachide non sono di certo sufficienti.Esegua anche della idonea fisiochinesiterapia, dopo il consulto ortopedico e se necessario del Fisiatra.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente 594XXX

Gentile professore, La ringrazio per la tempestiva risposta. In realtà soffro sia di cervicobrachialgia che però non è così invalidante quanto i disturbi già da me descritti. Sono anni che passo da uno specialista all'altro senza alcun risultato. Nessuno, sembra, sia in grado di risolvere in maniera adeguata e definitiva questo mio problema. Così come nessuno mi ha mai consigliato una visita ortopedica o fisiatrica. Ultimamente, anzi, mi hanno detto di rivolgermi ad uno gnatologo. Secondo Lei è il caso, o sarebbe solo l'ennesimo specialista da cui mi farei visitare senza risolvere, ancora una volta, il problema?

[#3]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr. signore,ma è compatibile che con quella rmn del suo rachide cervicale ci siano dei cortei sintomatologici caratterizzati da turbe al collo, alla testa e agli arti superiori.
Ma quali specialisti consulta lei per il rachide cervicale e per la riabilitazione e terapia fisiochinesica dello stesso ?
Non ha alcun senso tecnico lo gnatologo in quanto, come hoo detto mille volte e come nel caso specifico, ci sono già instautrate delle alterazioni strutturali deli dischi intervertebrali, ci sono delle alterazioni degenerative di uncoartrosi,ci sono degli osteofiti, ossia degli spuntoncini di ossso che " toccano " " irritano " midollo e/o radice, ma comunque delle patologie instauratesi al rachide cervicale.
Non c'entra nulla la mandibola, nè l'articolazione temporo-mandibolare ,nè la conformazione della bocca e/o dei denti. Esegua un approfondito consulto ortopedico e dopo dovendo fare della fisiochinesiterapia, valida e completa, si rivolga ad un Fisiatra.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#4] dopo  
Utente 594XXX

Gentile dott. ho eseguito qualche giorno fa l'elettromiografia agli arti superiori dalla quale è risultato: "sofferenza neurogena senza aspetti di denervazione e con segni di reinnarvazione collaterale sul muscolo deltoide destro.
Vorrei sapere se questo è conpatibile con le tensioni a volte spasmi ai muscoli del collo con senso di quasi svenimeto. I disturbi si propagano fino alle gambe.
Un'ultima domanda se la mia patologia può avere ripercussioni a livello di erezione. Grazie anticipatamente per la cordiale disponibilità.