Utente
Premetto che non so se è nella sezione di medicina generale alla quale dovrei scrivere ma non ho trovatto sezioni più adeguate al mio quesito (nel caso vi prego di indicarmi la sezione più adeguata). Ho avuto una caduta molto brutta in moto il 30/05 e come da prassi i carabinieri hanno richiesto i miei esami del sangue e delle urine. Ora non mi ricordo se era dal sangue o dalle urine ma hanno trovato 3,9 di etanolo. Il medico mi ha rassicurato che era un valore MOLTO basso. C'è un problema: io non tocco alcool da 1 mese o 2 e per toccare intendo assaggiare un bicchiere di vino. Sono 18enne ma bere alcolici non mi piace proprio e quindi mi chiedo com'è possibile che siano stati rilevati 3.9 di etanolo!! Non ho nemmeno mangiato dolci con dei liquori. La sera prima ho mangiato la pizza e bevuto l'acqua poi il giorno dell'incidente a pranzo del prosciutto crudo e poco prima di uscire ho bevuto del succo di frutta. Poi la caduta e infine gli esami quindi non capisco da dove possano essere usciti quei 3.9. E possibile un errore di analisi?? Ho pensato anche a un fatto di smaltimento non riuscito all'interno del mio corpo! Vi ringrazio in anticipo per l'attenzione. Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Stelio Alvino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buonasera, 3,9 può voler dire tutto o nulla, dipende infatti dalla scala utilizzata che può variare da laboratorio a laboratorio ed è relativa all'alcoolemia (alcool nel sangue). Ma la più utilizzata è quella in g/L (grammi/litro) che prevede un valore limite per chi è alla guida di 0,5. Se così fosse anche per il suo in realtà il valore riscontrato sarebbe altissimo, ai limiti del coma etilico. C'è quindi qualcosa che non quadra. Strano che avendo fatto tutto da solo, senza aver creato danni a terzi i CC le abbiano imposto il prelievo.
Mi spiace ma non c'è alcuna possibilità che non toccando una goccia di alcool di qualsiasi forma si possa essere trovati poi positivi al test. Se così fosse il test di per sè non potrebbe essere più utilizzato come prova giuridicamente valida. Quindi non dubitando nulla sulla sua buona fede, mi rimane di pensare ad un errore di laboratorio. Il metabolismo per quanto lento elimina la sostanza in un lasso di tempo molto più ridotto.
saluti
La consulenza è prestata a titolo puramente
gratuito secondo lo stile Medicitalia.it
Dott. Stelio ALVINO