Utente
Salve, da un po' di giorni mi capita di avvertire freddo improvviso, associato a forti tremori,tachicardia (ora,non sono un esperto,quindi non so se sia giusto identificare con questo termine l'aumento dei battiti del cuore,mi sembra di avere un tamburo nel petto, per intenderci),le mani diventano fredde,avverto un forte senso di inquietudine,sensazione di vomito,una sera mi è capitato di avere la temperatura molto bassa....34.7 non credo affatto sia normale!anche perché, la sera prima, il 118 mi aveva detto che avevo 38.5 di febbre e pressione un po' alta e che probabilmente, si trattava di influenza....mentre ieri sera la temperatura dopo il tremore molto forte(tremavo come una foglia e avevo freddo), la temperatura si aggirava intorno ai 37,4 per poi scendere ai 36,5 dopo un paio d'ore dall'inizio del fenomeno....ora, credo si tratti di attacchi di panico ,anche se non ne ho mai sofferto(ribadisco comunque la mia ignoranza in materia!!!).Probabilmente questo è un periodo più stressante del solito, dovuto all'avvicinarsi di alcune date molto determinanti per la mia carriera, ma non riesco a spiegarmi la variazione così forte della temperatura!
Non so se possa essere importante, ma aggiungo anche che, il tutto(anche se in modo meno grave),è iniziato da un fenomeno di vomito all'incirca 3 settimane fa seguito da dolore lieve al petto(pensavo si trattasse di un colpo d'aria),ho avuto un altro fenomeno di vomito sabato scorso; lunedì ho avuto il forte tremore e i sintomi prima elencati, per paura, ho chiamato il 118 che ,come ho già detto mi ha dato come responso "possibile inizio di stato influenzale"....ma non ho febbre altissima, raffreddore e quant'altro possa far credere che sia realmente influenza.....cosa può essere?quali possono essere le cure?
vi ringrazio in anticipo per la futura risposta....cordiali saluti!

[#1]  
Attivo dal 2010 al 2011
Gent.mo Utente,

I sintomi da Lei riferiti sono talmente aspecifici e vaghi che spero si renderà conto che da lontano è impossibile anche formulare un'ipotesi relativa al loro insorgere. Per quello che riguarda gli approfondimenti e le cure, non parliamone neanche. Sono, ovviamente, compatibili anche con una diagnosi di disturbo di panico ma non si può prescindere in nessun modo da una valutazione diretta da parte di un Medico che La conosca.