Utente 299XXX
Buonasera,
da qualche giorno a questa parte avverto una fastidiosa sensazione di "chiusura della gola", costante durante tutto l'arco della giornata. La sensazione è molto simile a quella che si prova quando si trattiene faticosamente il pianto, con una sorta di "indolenzimento" diffuso della gola stessa. Ho anche la sensazione di far più fatica a parlare e a mandare giù il cibo (che però passa regolarmente).
Facendo qualche ricerca sul web ho letto che potrebbe trattarsi di "bolo isterico", ma non ne sono convintissima, in quanto non ritengo di avere attualmente fattori psicologici e di stress che possano determinarlo.
Le preciso che non ho infiammazione alla gola e che nel 2009 ho tolto le tonsille.
Le preciso inoltre che non ho fatto esami per la tiroide (nè del sangue nè ecografici), anche se, molti anni fa, in un paio di occasioni avevo quei valori del sangue leggermente più bassi della norma.
Secondo lei di cosa potrebbe trattarsi? Dovrei approfondire la causa del disturbo con qualche esame più mirato?
Grazie.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
quanto descrive è molto prossimo proprio al "Bolo isterico (nodo alla gola)"

E' una sensazione di blocco a livello faringo-esofageo, che alcune persone con sintomi ansiosi riferiscono di provare.

In altri casi si può avere la sensazione di un corpo estraneo che impedisce la corretta deglutizione,
in altri si ha percezione di soffocamento durante l’atto di mangiare.

Vi è la sensazione di chiusura della parte deputata alla deglutizione quasi come non si volesse far passare, per esempio, il cibo.(N.B. che comunque passa)
Lei dice infatti
<<Ho anche la sensazione di far più fatica a parlare e a mandare giù il cibo (che però passa regolarmente).>>)

Altre volte abbiamo la stessa sensazione di chiusura ma come se non riuscissimo ad esprimere ciò che vogliamo veramente.

Si consulti con un gastroenterologo o con il suo curante per una eventuale gastroscopia che possa darle chiarezza e serenità.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it