Utente 426XXX
Salve, come da titolo, domenica scorsa mi sono svegliato con delle tremende vertigini, sono andato in pronto soccorso e dopo una tac (negativa), una visita neurologica e otorinolaringoatrica mi è stato detto che ho vertigini posizioni bilaterali con nigstagmo orizzontale, mi hanno fatto una manovra e sono tornato a casa. Le vertigini si sono affievolite, fino a sparire il giovedì e domenica ho rifatto la visita di controllo con una seconda manovra in esito negativo .
Domenica mi sono ritornate..mi hanno prescritto una risonanza e il mio medico insiste con una terapia famacologica, mentre l'otorino mi ha detto che servono solo le manovre, i miei dubbi sono: E' normale che si sia ripresentata subito? è normale che, anche se non ho vertigini, ho un continuo senso di stordimento-rigidità muscolare, difficoltà ortostatica , senso di disagio e difficoltà a stazionare eretto e soprattutto una sensazione come se fosse tutto in movimento, non come le vertigini che gira tutto, ma è come se fossi perennemente in barca con del mare calmo.
In ultimo, una vertigine cervicale da gli stessi sintomi?Io le vertigini ce le ho solo se mi giro a letto, in piedi non ho problemi, neanche se mi abbasso ( a parte che se mi abbasso quella sensazione di stordimento continua si accentua) non ho dolori al collo, mi sento però molto rigido, posturalmente direi che tendo a cifotizzarmi, cammino accasciato come uno zombie e non capisco il perché.

[#1]  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la vertigine posizionale parossisitica benigna che le è stata diagnosticata è determinata dallo spostamento improvviso di piccoli sassolini (otoliti) nell'orecchio interno.
Se si tratta di quella, l'unica maniera per cercare di riportare i sassolini al posto giusto sono delle manovre che il vestibologo esegue muovendo la testa.
Ovviamente durante la crisi acuta se il medico è d'accordo un antivertiginoso può essere di grande aiuto.
La TC eseguita, presumo in urgenza e quindi senza contrasto, ha escluso grossi fatti: toccherà alla RM dell'encefalo con mdc mettere in evidenza ancora meglio l'apparato vestibolare e l'encefalo.
Dopo un attacco possono residuare i sintomi che lei lamenta: è del tutto normale.
In quanto alla sua importante inversione della fisiologica lordosi cervicale, sarebbe stato utile eseguire con la bobina testa - collo una RM anche del rachide cervicale ed una angio RM sia dei vasi del collo sia del circolo intracranico.
Ne può parlare con il suo curante e farmi sapere se vuole.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 426XXX

Salve dottore, grazie per la risposta, ne parlerò al mio curante al più breve.

Ad ogni modo, chiedo scusa ma mi sono espresso male, non intendo che ho notato anomalie del rachide, ho usato l'espressione "cifofotizzarmi" per intendere che non riesco a camminare in posizionare eretta, faccio fatica , mi sento scoordinato etc. Ho sempre avuto una postura corretta, pancia in dentro, petto in fuori e spalle indietro (pratico pesistica) quindi per me far fatica a stare bene eretto e composto è quanto meno strano, deambulo come se avessi la febbre, per intenderci.

[#3]  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
mi scusi ma se lei cammina rannicchiato come uno Zombie (parole sue) e non più a pancia in dentro, petto in fuori e e spalle in dietro, dritto come una colonna di cemento, lo fa perchè?
Ha dolori?
Se si raddrizza le gira la testa o tende a cadere?
Se non lo sa lei non posso certo dirglielo io.
Sia più chiaro gentilmente.

Arrivederci,
Dott. Caldarola.

[#4] dopo  
Utente 426XXX

Salve dottore, la ringrazio ancora per la celere e gentilissima risposta e per risponderle no, non ho dolori, mi sento solo scoordinato-scomposto, ho una rigidità muscolare tremenda, dalle gambe al rachide, ma non ho dolori, questa rigidità è insorta insieme alle vertigini, ad ogni modo, ad oggi sto vagamente meglio, non sto avendo attacchi di vertigini posizionali, i capogiri /senso di debolezza sono meno intensi(dato che oggi sono riuscito ad allenarmi un pochino) e anche il senso di rigidità si è affievolito. Suppongo che la deambulazione fosse compromessa dal livello di rigidità e dal senso stesso di debolezza, non so le altre persone, ma io in uno stato di spossatezza estrema (tipo in uno stato influenzale) faccio fatica a deambulare correttamente. Ad ogni chiederò al mio medico se, oltre alla rmn dell'encefalo, è possibile farla fino al rachide cervicale e anche per le orecchie, dato che in pronto me ne hanno prescritte due, uno lìotorino e una il neurologo, non ricordo i termini corretti, ma semplicisticamente una per controllare il cervello e una per controllare l'orecchio, in aggiunta, vedrò se il mio medico acconsente ad ampliare le indagini estendendo la rmn anche fino al rachide cervicale. Mi scusi se sono stato poco chiaro, spero di essere stato più eloquente.

[#5] dopo  
Utente 426XXX

Aggiungo che, per essere più chiari, quella sensazione che mi porta a camminare "accasciato" è del tutto reversibile, nel senso che riesco a raddrizzarmi, solo che la spossatezza mi fa stancare a stare correttamente a livello posturale, forse ora ho intenso meglio

[#6]  
44918

Cancellato nel 2018
Si è stato molto chiaro.
Mi tenga informato.

A presto,
Dott. Caldarola.