Utente
Gentilissimi dottori, buongiorno,
volevo postare questa mia replica in coda al mio ultimo consulto nella sezione neurochirurgia, ma non lo trovo più
Lo inserisco nella sezione di medicina generale, perchè ritengo l'argomento di pertinenza

i miei dolori cervicali non passano, nonostante terapie fisioterapiche e osteopatiche e alla sera, come indicato dal mio medico l'assunzione di miorilassanti.

Il problema è che da alcuni giorni avverto tremore alle braccia e formicolio alle mani (tutti e due)
devo precisare che a causa dei dolori mi sveglio nel cuore della notte e non riesco più a prendere sonno.
dormo 3 - 3,5 ore a notte ormai da troppo tempo.
e di conseguenza soffro di sonnolenza sul lavoro.

stamattina sono dovuto rimanere a casa, una sensazione di vuoto intorno, poi improvvisamente verso le ore 10 ho iniziato a tremare, come se avessi freddo (anzi la sensazione era proprio quella, mi si sono gelate le mani.

ieri devo ammettere mi sono stancato molto, lavori abbastanza faticosi (ad una festa a montare gazebo, spostare tavoli, e poi servizio di ristorante ai tavoli) avanti e indietro tutto il giorno, ieri sera ero a pezzi
ho preso una tachipirina e 15 gocce di contramal (il tachidol prescritto dalla ia dottoressa l'ho finito, ho pensato fosse circa la stessa cosa)
ed anche contramal me lo aveva già prescritto

Risulato dopo l'assunzione: in breve tempo forte sonnolenza, sono andato subito a coricarmi (circa ore 23) ma alle 2.15 ero sveglio nel letto con i miei dolori.
ovviamente con molto sonno, quindi a intervalli ho iniziato a perdere i sensi e risvegliarmi, fino alle 4.30, ora in cui non ce la facevo più dal male al collo e mi sono alzato

vi chiedo se questa sensazione di rigidità muscolare (a cui ormai purtroppo mi sto abituando) e questi tremori sono dovuti all'assunzione paracetamolo 1000 più 15 gocce contramal fatto ieri sera.

grazie
cordiali saluti

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Salve,
ritengo che la sintomatologia neurologica che lei ha avvertito e che riporta in anamnesi non sia legata all'associazione di Contramal (tramadolo) e Paracetamolo, ma ai problemi neurochirurgici di cui è portatore e mi pare di capire anche a conoscenza.
E' importante che lei si preoccupi di risolvere questi ultimi, con una consulenza Neurochirurgica reale in un centro di eccellenza (per esempio il Carlo Besta a Milano).
Il fatto che il dolore non risponda indica una sofferenza neuropatica centrale meritevole di attenzione senza dilazioni.
Cari saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dott. Caldarola,
la ringrazio per la risposta.
Ieri sono stato ad una visita neurochirurgica all'ospedale Maggiore di Novara, dove ero stato operato da bambino.
La neurochirurga che mi ha visitato, ritiene che il catere è ben posizionato e funziona tutto bene, anche vista la tac dalla quale si rilevano i ventricoli di piccole dimensioni.

Il discorso era iniziato quando il fisiotepista aveva sospettato che una probabile causa delle continue rigidità della muscolatura del collo potesse essere qualche aderenza creata dal catetere.
Dalla visita di ieri, come già detto, pare non sia così, anzi la dottoressa ha detto che visto il corretto posizionamento del catere lei non mi opererebbe per sostituirlo, perchè si rischia di avere più complicanze che benefici
Per i tremori di cui dicevo, sono tre giorni che ho la febbre alta, più di 38.5, potrebbero essere dovuti a quello?
la mia dottoressa è in ferie e proprio stamattina sono in attesa di una visita da parte del suo sostituto.

A parte questo resta da risolvere il problema dei dolori cervicali continui...
La dottoressa neurochirurga ieri mi ha detto di insistere con fisioterapia, osteopatia, e volendo di provare con agopuntura.

Grazie
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
12% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Di nulla!
Tante buone cose per lei!
Cari saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola