Utente
salve!
sono una ragazza di 21 anni,chiedo una consulenza non per me ma per la mia nonna che ha 97 anni,essendo molto anziana non ha la forza per espellere il catarro che le chiude la gola impedendole così una regolare respirazione,questo è il problema che la tormenta da molti anni,ultimamente è molto peggiorata,si è indebolita dal momento che non riesce più a dormire ne a mangiare.
l'abbiamo fatta ricoverare,ma la cosa non ha portato buoni frutti,le hanno prescritto l'aerosol,ma la cosa peggiora invece che migliorare come dovrebbe.La mia domanda forse stupida è:c'è un modo per aspirarli???ci sono apparecchiature per farlo???quanto aiuta????
grazie mille per l'attenzione lo so è anziana,ma le voglio molto bene e se è possibile vorrei fare di tutto per poterla far stare ancora bene.
Attendo una risposta.
saluti

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
In alcuni casi le secrezioni possono essere aspirate con un apposito strumento. Ovviamente si tratta di una tecnica che deve eseguire un Medico e che va fatta in una struttura attrezzata.
Voglio sottolinearle che, non avendo personalmente visitato sua nonna, non posso sapere se nel suo caso questa tecnica sia eseguibile, ne' se sia utile. E' consigliabile che prima venga posta una diagnosi; poi lo stesso Collega che avra' l'opportunita' di seguirla potra' consigliarle la soluzione migliore.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2]  
Dr. Stelio Alvino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)
MONTEPULCIANO (SI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
purtroppo la via consigliatale dal collega non è attuabile facilmente proprio perchè come detto va fatta dal medico (e tra l'altro quasi sempre un rianimatore) e in ambiente protetto con particolari attrezzature.
Cioè ogni volta che va eliminato un po di catarro dovrebbe essere portata in Pronto Soccorso.
Tra l'altro fluidificando molto le secrezioni con l'aerosol si corre il rischio di aumentarne la produzione e di peggiorare la situazione, così all'opposto nel caso diventino molto dense. Siamo allora in un vicolo cieco.
Vi è un'alternativa che è quella di sottoporre sua Nonna ad un intervento di tracheotomia dove con una piccola incisione alla gola viene apposta una cannula che permette poi una gestione migliore, efficace e corretta delle vie aeree, aspirandola anche a casa dopo un piccolo addestramento. Può contattare un otorinolaringoiatra. Ma se è già stata ricoverata una diagnosi sarà stata pur fatta e non averla sottoposta a questo trattamento mi fa pensare alla sua inutilità.
Però devo dirlo francamente, leggendo l'età così avanzata di Nonna, siamo sicuri che sottoporla a un intervento, per quanto banale ma che richiede una anestesia generale sia proprio la scelta giusta? Tra l'altro non potrà neanche parlare e a quell'età le complcanze sono dietro l'angolo.
Accetti invece che siamo oramai arrivati al termine di un lungo percorso e magari le stia molto vicino. Lo so che è difficile accettare alla sua giovane età una separazione così, ma comunque questo momento è forse solo di poco procrastinabile. Saper lasciare andare è un atto, doloroso si, ma di maturità e comunque di grande affetto. Non sottoponga sua Nonna ad un inutile accanimento solo per l'incapacità egoista di non riuscire a separarsi da lei.
Glielo suggerisco col cuore e con tanto affetto.
La consulenza è prestata a titolo puramente
gratuito secondo lo stile Medicitalia.it
Dott. Stelio ALVINO